Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 09 AGOSTO 2022
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Ippolito (Spallanzani): “Blocco finanziamento a vaccino ReiThera è una sconfitta per il sistema paese”


18 MAG - “Sulle motivazioni che hanno portato al parere negativo da parte della magistratura contabile aspetto di leggere e capire, anche perché mi occupo di scienza e non di aspetti normativi o di contabilità pubblica”, così in un’intervista Il Fatto Quotidiano il direttore scientifico dello Spallanzani Giuseppe Ippolito che sottolinea come tale decisione rappresenti “una sconfitta per il nostro sistema-paese”.
 
“Quando è scoppiata la pandemia – spiega Ippolito - investire nella ricerca sul vaccino era una scelta strategica da prendere al livello più elevato. L’ha capito il presidente del Lazio Nicola Zingaretti, che a marzo dell’anno scorso ha finanziato la fase 1 del vaccino Reithera insieme al ministero della Ricerca e al Cnr: otto milioni di euro in tutto, certamente pochi ma con i quali siamo riusciti a concludere con successo la fase 1”.
 
“I cui dati – prosegue - contrariamente a quanto sostiene qualcuno male informato, sono disponibili e consultabili su medRxiv, e sono in fase di peer review per la pubblicazione su una rivista internazionale. Da questi dati emerge un elevato livello di sicurezza e di immunogenicità del vaccino Reithera”.
 
“Ci sono 25 istituti di ricerca e 1.000 volontari che si sono generosamente prestati ad una sperimentazione che sta andando avanti. A loro – incalza il direttore scientifico dello Spallanzani - va il ringraziamento mio personale. Il loro impegno non è stato inutile: la fase 2 si è di fatto conclusa, adesso verranno raccolti e pubblicati i dati sui volontari”.
 
“Per la fase 3 – aggiunge - vedremo cosa succederà: prima di tutto dipenderà dall’azienda che detiene il brevetto e dalle capacità economiche della stessa. Spero che venga presa una decisione chiara e nel minor tempo possibile. La corsa ai vaccini non può aspettare: è un progetto strategico. L’Italia ha bisogno di avere una propria capacità di ideazione, sviluppo e produzione di farmaci e vaccini. Bisogna tornare a quello che era il livello del secolo scorso in cui il mondo ci guardava come un punto di riferimento”.
 
“Personalmente – conclude Ippolito - mi aspetto anche che il governo dia concreto seguito a quanto ha in più occasioni dichiarato, e ripeto cioè che avere una capacità produttiva di vaccini nel nostro paese costituisce un obiettivo strategico. Come si dice a Roma, “le chiacchiere stanno a zero””.

18 maggio 2021
© Riproduzione riservata
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy