Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 29 GENNAIO 2022
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Binetti (Udc): "Governo abbia il coraggio di ripensare la Facoltà di Medicina"


03 NOV - "La diagnosi dell''errore umano' ha qualcosa di eccessivamente semplicistico, che rivela improvvisazione e incompetenza, ma anche assoluta mancanza di sensibilità verso l’intera classe medica. Lo scollamento tra l’analisi dei problemi posti in termini di quantità e qualità di medici da formare e le soluzioni proposte, spesso discutibili ma anche pasticciate e confuse, richiede un gesto di coraggio: occorre ripensare la facoltà di medicina, con tutti i suoi requisiti specifici". Lo ha dichiarato in una nota la deputata dell'Udc, Paola Binetti.
 
"Lo devono fare insieme - sottolinea Binetti - i ministri Giannini e Lorenzin in collaborazione con il ministro Padoan: lo richiede l’art. 32 della nostra Carta costituzionale, ma anche le decine di migliaia di giovani che ogni anno rispondono al sogno di poter diventare medici seri e competenti e che ogni volta, ad ogni passaggio cruciale della loro formazione, devono misurarsi con una burocrazia del tutto inadeguata".

03 novembre 2014
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy