Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 23 OTTOBRE 2019
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Padua (PD): “E' passo importante”. Mattesini (PD): "Attenzione va rivolta anche a minori scomparsi"

04 MAR - "Introdurre nel codice penale un reato relativo al traffico di organi prelevati da persona vivente rappresenta, certamente, un deciso passo in avanti per la nostra legislazione che va nella direzione del rispetto del principio della legalità, della tutela dei diritti umani e delr il rispetto dei principi di equità e giustizia". Così la senatrice del Pd Venera Padua, della commissione Sanità, interviene nel dibattito sul Disegno di Legge sul Traffico d'organi a Palazzo Madama.

"Il cuore del disegno di legge - sottolinea Padua - prevede specifiche sanzioni penali per il reato di traffico di organi prelevati da persona vivente prevedendo che la reclusione vada da un minimo di 3 ad un massimo di 12, e la sanzione pecuniaria da 50 a 300 mila euro per chiunque commercia, vende, procura organi o parti di organo prelevati da persona vivente (art 601-bis). Il provvedimento è molto importante e strettamente legato alla tratta di esseri umani, allo sfruttamento di donne, uomini e bambini ridotti, spesse volte, in schiavitù o semischiavitù. E' quindi necessario rafforzare la disciplina giuridica perché sempre più cresca la consapevolezza e la coscienza morale dell'irrinunciabile principio che il corpo umano, o le sue parti, siano 'fuori dal commercio', 'fuori dal mercato', che abbiano un valore intrinseco molto superiore rispetto alle mere transazioni economiche. Per questo spero che nel provvedimento vengano recepite le osservazioni espresse in commissione Sanità su alcuni specifici adempimenti a carico del ricevente l'organo".


"Il mio auspicio - conclude la senatrice Pd - é che tutta la legge si ispiri al principio ribadito nella Dichiarazione di Istanbul sul Traffico di Organi e sul Turismo del Trapianto del 2008, laddove riconosce, in merito ai donatori viventi, che "l'atto di donazione deve essere considerato come un atto eroico e onorato come tale dai rappresentanti del governo e dalle organizzazioni della società civile". 
 
"Nell'ambito della delicata materia del traffico d'organi bisogna dedicare un'attenzione particolare al problema dei minori scomparsi, fenomeno che, purtroppo, nel nostro Paese sta raggiungendo una dimensione preoccupante dovuta anche ai numerosi sbarchi di minori non accompagnati sulle coste italiane", Così, invece, la senatrice Donella Mattesini, capogruppo del Pd in commissione Bicamerale Infanzia, ha commentato il Disegno di Legge in discussione.

"Sappiamo tutti - sottolinea Mattesini - come il traffico illegale di organi sia strettamente legato alla tratta di esseri umani, allo sfruttamento di donne, uomini e bambini ridotti, spesse volte, in schiavitù o semischiavitù. E' quindi necessario un monitoraggio nel territorio nazionale ed europeo funzionale ad una effettiva tracciabilità dei movimenti dei minori, affinché sia impedito ogni sfruttamento della persona minore. Al contempo è importante che finalmente si definisca il traffico illegale di organi come reato grave alla dignità della persona, recependo le raccomandazioni del Comitato dei ministri del Consiglio d'Europa per la lotta contro il traffico di organi umani dello scorso 9 luglio", conclude Mattesini.  

04 marzo 2015
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy