Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 24 NOVEMBRE 2017
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

D’Ambrosio Lettieri (DI): “Bene decreto Lorenzin su obbligatorietà. Testo si potrà migliorare”

19 MAG - "Mi riservo, ovviamente, di esaminare attentamente il decreto approvato oggi dal Consiglio dei Ministri sulla obbligatorietà dei vaccini per l’iscrizione a scuola, ma non posso che accogliere con favore una iniziativa legislativa che punta a tutelare la salute delle persone e dei bambini in particolare. Io stesso ho presentato diversi giorni fa un ddl che introduce l’obbligatorietà delle vaccinazioni per l’iscrizione a scuola, con il contestuale superamento dell’attuale distinzione tra obbligatorie e raccomandate. Bene, quindi, il ministro della Salute, Lorenzin che ha colto l’appello del mondo scientifico ad affrontare una situazione che si sta facendo drammatica". Lo afferma in una nota Luigi d’Ambrosio Lettieri (Direzione Italia), componente della Commissione Sanità del Senato. 

"Vaccinare i propri figli non può essere relegato a una faccenda personale. E’ un fatto, invece, di interesse collettivo e di grande valore etico che, come hanno giustamente sottolineato sia il presidente dell’Iss, Ricciardi che il presidente emerito della corte Costituzionale, Cassese nei giorni scorsi, oltre a essere un diritto per la tutela della propria salute, è anche un dovere di tutela delle persone più fragili. Sono convinto che ci sarà modo di risolvere eventuali criticità e di migliorare il testo Lorenzin, a partire da una maggiore copertura vaccinale nell’arco della vita dei ragazzi e delle ragazze e del non trascurabile problema della mancata adesione alla vaccinazione, anche questa obbligatoria nella stragrande maggioranza dei Paesi del mondo, degli operatori sanitari. Ma è evidente che non c’era tempo da perdere", ha proseguito.


"D’altronde, l’allarme, lanciato dall’Iss e dalla Oms è stato chiaro e forte: l’Italia è ormai dietro alcuni Stati africani per la copertura vaccinale, in particolare per tetano, pertosse e difterite. Ma anche altri vaccini, da tempo raccomandati, come quello contro il morbillo – che può causare complicazioni serie fino a portare anche alla morte - pur riducendo di almeno 20 volte l’incidenza di malattia, sono scesi pericolosamente sotto la soglia di sicurezza. Purtroppo, oggi, al contrario di quanto avveniva in passato, assistiamo ad un fenomeno crescente di disinformazione anti vaccinale che ha alimentato una serie di preoccupazioni, spesso infondate, e di pregiudizi dei genitori, soprattutto riguardo le vaccinazioni cosiddette raccomandate, che hanno finito per essere considerate di importanza minore e, in conseguenza, non sicure o, peggio, addirittura, dannose. Questi falsi allarmi, sempre smentiti da larga parte della comunità scientifica, hanno provocato un senso di paura nei confronti delle vaccinazioni che, in conseguenza, ha indotto un numero crescente di genitori a ritardare o rifiutare la vaccinazione dei propri figli", ha aggiunto il senatore.

"Perciò, insieme a sanzioni severe, l’obbligo vaccinale non può prescindere da una ritrovata e consapevole fiducia dei genitori nelle istituzioni (che detto obbligo impongono) e da adeguati atti informativi e formativi predisposti ed erogati proprio dalle strutture sanitarie preposte ad effettuare le vaccinazioni in collaborazione con gli ordini dei medici e dei farmacisti. L’incontro tra l’obbligo, la fiducia, l’informazione e la conoscenza, è, infatti, l’unica combinazione in grado di produrre effetti positivi sulla salute pubblica. Occorre anche istituire una banca dati per ciascuna Regione e un Servizio Anagrafe nazionale al fine di monitorare l’affluenza di tutti i dati relativi alle vaccinazioni in età scolare e prescolare per migliorare ulteriormente il servizio e prevedere risorse aggiuntive per l’acquisto dei nuovi vaccini”, ha concluso D'Ambrosio Lettieri.

19 maggio 2017
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy