Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 02 LUGLIO 2020
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Mandelli (Fi): “Su Ema si decida con criteri oggettivi e Milano ha tutte le carte in regola” 


21 GIU - "Prendiamo atto dell'impegno ribadito dal premier Gentiloni in Senato per l'approdo di Ema a Milano, un risultato che per l'Italia significherebbe nuovi posti di lavoro, prestigio e maggior peso in UE. Forza Italia l'ha individuato come obiettivo importante sin dal risultato del referendum su Brexit e l'appoggio trasversale alla nostra mozione sul tema testimonia un interesse diffuso e convergente da parte del quadro politico affinché si raggiunga questo traguardo".
 
Lo dichiara il senatore di Forza Italia Andrea Mandelli. "La città ha tutte le carte in regola per accogliere l'Agenzia e ci auguriamo che davvero anche in sede europea venga tenuto il punto di una scelta che va adottata sulla base di criteri oggettivi. È necessario mettere da parte le strategie di spartizione e compensazione tra Paesi, che tanto hanno fatto male al processo di integrazione, e decidere solo sulla base della bontà e dell'affidabilità dei dossier presentati", conclude.

21 giugno 2017
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy