Quotidiano on line
di informazione sanitaria
19 GENNNAIO 2020
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Gallera (Lombardia): “Curiosa l’introduzione dell’autocertificazione di una telefonata al Cup”

01 SET - “Abbiamo letto con attenzione la Circolare emanata dai Ministeri alla Salute e all’Istruzione, da un lato consideriamo positivo il fatto che sia semplificata la modalità di certificazione dell’appuntamento vaccinale con l’invio di una semplice mail, mentre troviamo curiosa l’introduzione dell’autocertificazione di una telefonata al Cup. Si tratta di una fattispecie giuridica molto bizzarra che dovremo sviluppare in seguito”. Lo ha detto l’assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera commentando la nuova Circolare attuativa dei Ministeri della Salute e dell’Istruzione della legge sulla vaccinazione obbligatoria.

“Una modalità che tuttavia - ha proseguito l’assessore - non soddisfa le esigenze di coloro che non presenteranno la documentazione a causa di dubbi e resistenze dovute a paure per la salute dei propri figli, che li vedranno, inevitabilmente allontanati dalle aule l’11 settembre. Esigenze alle quali abbiamo, invece, voluto rispondere nel provvedimento da noi predisposto e peraltro ben illustrato al ministro Lorenzin nella lettera inviata ieri, a lei e al ministro Fedeli”.


“Provvedimento che - ha aggiunto - mira a recuperare quel ‘Percorso formale di adempimento’ contemplato nella legge a partire dal 2018 e non previsto in questa fase di transizione, che consente ai genitori non in regola di confrontarsi, in un momento precedente all’iscrizione, con medici specialisti dei Centri vaccinali per essere aiutati ad acquisire la consapevolezza dell’importanza delle vaccinazioni e giungere, pena l’allontanamento del bimbo, ad adempiere all’obbligo in un tempo massimo di 40 giorni”.

“Per questo motivo mi sorprendono le dichiarazioni rilasciate dal ministro Lorenzin - ha continuato - secondo le quali Regione Lombardia con il suo provvedimento rischia di lasciare aperta ‘un’area a rischio per i più piccoli’. I percorsi indicati nelle Circolari ministeriali per eseguire le vaccinazioni (‘l’autocertificazione della richiesta di prenotazione’ o l’autocertificazione di una telefonata al Cup con ‘riscontro positivo’) prevedono, infatti, si giunga alla vaccinazione anche dopo sei o otto mesi, durante i quali bimbi non vaccinati possono stare a contatto con quelli che non possono eseguirli per rischio patologie”.

“Per questo motivo - ha concluso Gallera - noi andiamo avanti per la nostra strada e manteniamo per quello che è di nostra competenza, gli asili Nido, la procedura che verrà approvata lunedì prossimo dalla Giunta anche se c’è il rammarico che essa non potrà essere estesa alle scuole materne”.

01 settembre 2017
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy