Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 20 OTTOBRE 2017
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Breast Unit: in 10 Regione non ce ne è traccia

05 OTT - Le cittadine italiane lo hanno capito: il 70% di quante si trovano ad affrontare un tumore al seno si rivolge a una Breast Unit, dove si cura meglio e si guarisce di più. Eppure la metà delle Regioni italiane non ha nemmeno recepito la legge che rende obbligatori questi centri specializzati mentre l’altra metà non ne ha ancora completato l’organizzazione. È questo il quadro emerso oggi dal convegno “Tumore al seno in Italia”, voluto dalla Senatrice Laura Bianconi e organizzato da Europa Donna Italia, Senonetwork Italia Onlus e la European School of Oncology.

“Le dichiarazioni del ministro Lorenzin ci confortano; ci auguriamo che ora vengano adottate concrete misure per assicurare la messa a regime delle Breast Unit in tutto il territorio nazionale” ha commentato Rosanna D’Antona, Presidente di Europa Donna Italia, commentando l’intervento di Beatrice Lorenzin all’evento.

“Siamo partiti bene cinque anni fa: la commissione ministeriale ha messo a punto le Linee guida per le Breast Unit italiane che sono un modello in tutta Europa, dal 2014 sono diventate un decreto vincolante per tutte le Regioni ed è stato anche istituito un gruppo di lavoro incaricato di monitorare la situazione nazionale”, ha dichiarato Corrado Tinterri, membro della commissione ministeriale per i centri di senologia. “Da due anni però – ha proseguito - il gruppo di lavoro è fermo e non è più stato convocato, la situazione delle Breast Unit in Italia è rimasta senza controllo con il risultato che a oggi le donne non hanno ancora riferimenti certi e molte cittadine del Sud sono costrette a migrare in altre Regioni per farsi curare come prevede la legge”.


Dal monitoraggio condotto da Europa Donna Italia risulta che 7 Regioni hanno recepito la legge – cioè le linee di indirizzo validate dalla Conferenza Stato-Regioni - e identificato con delibera le strutture destinate a far parte della rete regionale (Campania, Lazio, Liguria, Lombardia, Piemonte-Valle D’Aosta e Veneto). Le Regioni che hanno recepito la legge ma non hanno ancora indicato le strutture preposte sono 4 (Emilia-Romagna, Marche, Toscana e Umbria) mentre sono addirittura 10 le Regioni che non hanno recepito la legge (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Friuli Venezia-Giulia, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia, Trentino).

“Per concludere bene questa legislatura dobbiamo dare un segno tangibile di impegno alle donne italiane”, ha dichiarato la Senatrice Bianconi. “Contiamo sull’appoggio della Commissione Igiene e Sanità e di tutti i Senatori e Parlamentari sensibili alla causa della salute delle donne affinché la legge sulle Breast Unit sia effettivamente e rapidamente applicata in tutte le Regioni e in tutta Italia” ha concluso Rosanna D’Antona.

05 ottobre 2017
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy