Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 16 AGOSTO 2022
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

In arrivo altri 400 mln alle Regioni per spese Covid, 250 mln per acquisto antivirali e 15 mln per le famiglie dei sanitari deceduti a causa del virus. Ecco il nuovo decreto del Governo

di L.F.

Le misure sono contenute nel provvedimento approvato oggi dal Consiglio dei ministri. Per le Regioni le nuove risorse rappresentano una nuova boccata d’ossigeno per i bilanci che sono in sofferenza. Inoltre, sono state stanziate risorse ad hoc per l'acquisto dei farmaci anti Covid. Dopo la levata di scudi dei professionisti arrivano i ristori per le famiglie dei sanitari deceduti a causa del Covid. LA BOZZA

18 FEB - Sono in arrivo altri 400 milioni di euro per le spese Covid delle Regioni per far fronte alle spese Covid e per sterilizzare l'aumento della bolletta energetica per le strutture sanitarie. E poi altri 250 mln per l’acquisto di farmaci antivirali e infine un fondo da 15 mln per in favore dei famigliari degli esercenti le professioni sanitarie, degli esercenti la professione di assistente sociale e operatori socio-sanitari deceduti a causa del Covid. Sono queste le misure per la sanità contenute nella bozza del Decreto legge ‘Energia’ oggi approvato dal Consiglio dei ministri.
 
Per quanto riguarda lo stanziamento di 600 mln per le regioni esso andrà a rimpinguare il fondo istituito appositamente con il Dl Fisco l’anno scorso. Ricordiamo che le Regioni hanno denunciato l’anno scorso un ammanco di 2,2 mld sui bilanci del 2021 dovuto a maggiori spese per far fronte alla pandemia. Il Governo con 600 mln nel decreto fiscale e altri 400 mln con il decreto sostegni a gennaio ha messo una prima toppa e ora quindi è in arrivo un altro intervento per evitare lo spettro del piano di rientro per molte Regioni. Inoltre sempre le Regioni hanno stimato come il caro bollette solo per la gestione della sanità avrebbe un impatto di circa 1 mld.
 
Altra misura contenuta nel decreto riguarda per il 2022 lo stanziamento di 250 milioni di euro, per gli interventi di competenza del Commissario straordinario per l'attuazione e il coordinamento delle misure di contenimento e contrasto dell'emergenza epidemiologica COVID-19, per l’acquisto di farmaci antivirali contro il SARS-CoV-2.
 
Infine dopo la levata di scudi dei professionisti sono stati stanziati 15 milioni di euro per l'anno 2022 in favore dei famigliari degli esercenti le professioni sanitarie, degli esercenti la professione di assistente sociale e operatori socio-sanitari deceduti a causa del Covid. Servirà in ogni caso un decreto per disciplinare le modalità attuative.

“Abbiamo stanziato 15 milioni di euro per le famiglie dei professionisti sanitari che hanno perso la vita a causa del Covid. È un giusto riconoscimento che l'Italia deve a chi ha svolto il proprio lavoro per tutelare la salute di tutti noi”, ha commentato il Ministro della Salute, Roberto Speranza.
 
Speranza ha poi evidenziato come “sia stato approvato in Consiglio dei Ministri un altro finanziamento di 400 milioni di euro destinati alla sanità. Serviranno a far fronte alle spese sostenute a causa del Covid e agli aumenti delle bollette energetiche degli ospedali. Sono risorse che si aggiungono agli investimenti già approvati per il rilancio del Servizio Sanitario Nazionale”.
 
 
L.F.

18 febbraio 2022
© Riproduzione riservata
Allegati:

spacer La Bozza

Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy