Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 06 FEBBRAIO 2023
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Aifa. I precari: “Via norma che inibisce Agenzia dal prorogare i contratti”


Fumata nera durante l’incontro al Ministero della Salute: “L’unica strada percorribile, per non perdere il patrimonio di competenze ed esperienze dei circa 50 lavoratori precari i cui contratti di collaborazione o di lavoro somministrato verranno a scadenza il prossimo 30 giugno, è intervenire tempestivamente sulla norma che inibisce alla sola Agenzia del farmaco di prorogare detti contratti. Ma si tratterebbe di un salvagente temporaneo”.

15 APR -

Ancora nessuna soluzione concreta, all’esito dell’incontro tenutosi mercoledì 13 aprile presso il Ministero della Salute tra i rappresentanti dei precari dell’Agenzia del farmaco, il Ministero stesso e i vertici dell’Agenzia. 

“Abbiamo convenuto – sottolineano i precari in una nota - che l’unica strada percorribile, per non perdere il patrimonio di competenze ed esperienze dei circa 50 lavoratori precari i cui contratti di collaborazione o di lavoro somministrato verranno a scadenza il prossimo 30 giugno, è intervenire tempestivamente sulla norma che inibisce alla sola Agenzia del farmaco di prorogare detti contratti”. 

“Una norma insensata e discriminatoria – rimarcano -, se solo si considera che non solo introduce una ingiusta discriminazione rispetto ad altre amministrazioni dello Stato, ma non tiene neanche conto del fatto che l’Agenzia ha un organico ancora ampiamente sottodimensionato rispetto alle omologhe autorità europee e ha visto negli anni un sensibile incremento delle proprie competenze e responsabilità. Basti pensare all’enorme mole di lavoro che AIFA ha dovuto sostenere in questi lunghi due anni di pandemia”. 

“Abbiamo tuttavia sottolineato – prosegue la nota - che ogni eventuale proroga dei nostri contratti sarebbe solo un salvagente temporaneo, certamente indispensabile per non lasciare noi senza lavoro e l’Agenzia priva di professionalità indispensabili al proprio regolare funzionamento, ma la soluzione del problema del precariato in AIFA passa necessariamente per un intervento strutturale che ponga fine a questo indegno precariato che affligge noi e la stessa Agenzia da molti anni. 

Auspichiamo dunque che la consapevolezza emersa nell’incontro di mercoledì sia in grado di attivare, per una volta, un meccanismo virtuoso di collaborazione tra le amministrazioni dello Stato coinvolte che finora è mancato e che si cominci finalmente a ragionare in un’ottica di tutela dei lavoratori e degli interessi pubblici coinvolti. Noi continuiamo a lottare”.



15 aprile 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy