Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 01 APRILE 2023
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Gemmato: “Alla sanità nessun taglio. La verità è che abbiamo messo 7 miliardi in più per i prossimi 3 anni. Stop ai medici a gettone e sì alla libera professione infermieristica”


“Sento parlare erroneamente di tagli al fondo sanitario imputabili all’attuale Governo, ma i numeri non sono opinabili”. “Va cambiato il modello organizzativo dell’assistenza sanitaria e sociale nazionale e soprattutto bisogna attuare una più efficace programmazione”. Il sottosegretario alla Salute critica poi fortemente il ricorso ai medici ‘a gettone’ e apre al superamento del vincolo di esclusività di rapporto per le professioni infermieristiche.

26 GEN -

“Per i prossimi tre anni il Governo ha stanziato 7 miliardi di euro in più sul fondo sanitario nazionale, insieme alla maggiore dotazione economica serve un nuovo modello organizzativo e ancora prima una migliore programmazione per un impiego ottimale delle risorse”. Così il Sottosegretario alla Salute, Marcello Gemmato, intervenuto questa mattina alla trasmissione “Omnibus” su LA7, in una puntata tematica dedicata alla sanità pubblica.

“Sento parlare erroneamente di tagli al fondo sanitario imputabili all’attuale Governo, ma i numeri non sono opinabili – fa notare Gemmato. “Sono stati previsti 2 miliardi e 150 milioni di euro in più in Legge di Bilancio 2023, destinati a far fronte ai rincari dovuti all’emergenza energetica, ma non solo. E per il prossimo biennio saranno allocati rispettivamente altri 2,3 miliardi e 2,6 miliardi di euro. Ricordo che prima del Covid il fondo sanitario nazionale ammontava a 114 miliardi in totale; oggi ne abbiamo a disposizione molti di più, che certamente non riusciranno a colmare il sotto-finanziamento di ben 37 miliardi accumulati nell’ultimo decennio, ma sono indicativi della volontà di questo esecutivo di proseguire negli investimenti in sanità, anche una volta superata la fase pandemica che ha richiesto un’iniezione straordinaria di risorse economiche.”

“Ci troviamo di fronte una situazione complessa con diverse variabili, da affrontare e riorganizzare con diligenza e razionalità e una visione di sistema” aggiunge Gemmato. Di certo la prospettiva di stabilità che questo Governo si dato è la premessa per poter rivedere – come è necessario - il modello organizzativo dell’assistenza sanitaria e sociale nazionale e soprattutto attuare una più efficace programmazione.

“Il tema è soprattutto quello del personale, che deve essere messo nelle condizioni di poter lavorare al meglio e in serenità e di crescere professionalmente. Sul ricorso ai medici gettonisti, ad esempio, vi è una forte critica da parte del Governo, sia in termini etici per la disuguaglianza di trattamento remunerativo che essi ottengono rispetto ai colleghi impiegati nel sistema pubblico; ma anche di merito, non sempre i medici selezionati per esercitare “a gettone” infatti hanno la specifica professionalità richiesta.”

Nel merito della revisione della sanità di prossimità, Gemmato apre il dibattito sul possibile superamento del vincolo di esclusività di rapporto per le professioni infermieristiche, proprio per venire incontro all’evoluzione nel tempo che hanno registrato queste figure e per creare una filiera assistenziale multidisciplinare e più pronta sul territorio.

“L’infermiere è un professionista che consegue un titolo a seguito di un corso di laurea magistrale: questi professionisti potranno dare una boccata d’ossigeno alle costituende case di Comunità, alle RSA, all’assistenza domiciliare: credo che i tempi siano maturi per una riflessione su come rivedere il loro ruolo” conclude il Sottosegretario.



26 gennaio 2023
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy