Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 17 FEBBRAIO 2020
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Decreto Balduzzi. Siti: “No ad accorpamento tra discipline mediche e veterinarie"

“Incoerenti e di dubbia legittimità”. Così la Società italiana di igiene definisce le modifiche al Dlgs 502/92 previste dal Decreto Balduzzi in materia di sicurezza alimentare. "Accorpando le competenze mediche e quelle veterinarie si rischia di confondere e complicare la delicata disciplina".

16 OTT - I medici igienisti dicono no a modifiche “incoerenti e di dubbia legittimità” del Dlgs. 502/92 previste dall’art. 4, comma 1, lettera b-bis del testo del Decreto Balduzzi licenziato dalla Commissione Affari Sociali, che modificando il comma 4 dell’articolo 7 quater del Dlgs 502, prevede che “Le strutture organizzative dell'area di sanità pubblica veterinaria e sicurezza alimentare operano quale centro di responsabilità, dotato di autonomia tecnico-funzionale e organizzativa nell'ambito della struttura dipartimentale e rispondono del perseguimento degli obiettivi dipartimentali e aziendali, dell'attuazione delle disposizioni normative e regolamentari regionali, nazionali e internazionali, nonché della gestione delle risorse economiche attribuite”

“Riteniamo – spiega la Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (Siti) in una nota - che si rischi di confondere e complicare la delicata disciplina della sicurezza alimentare, tema strategico in chiave nazionale e comunitaria. I medici igienisti rivendicano le piene competenze in tema di rischi per la salute umana, igiene e sicurezza degli alimenti e nutrizione e sottolineano i rischi che deriverebbero da un accorpamento di discipline mediche e veterinarie”.


“Spending review –commenta il nuovo presidente della Siti, Michele Conversano - non significa che tutti possono occuparsi di tutto e che le professionalità vengano mortificate come invece deriverebbe dall'approvazione di questo improvvido provvedimento che sovrappone competenze mediche e veterinarie".

Per questo la Siti auspica che “il Governo ne prenda atto e accantoni questa assurda proposta che peraltro prevarica le competenze organizzative delle Regioni e delle Province Autonome”.
 

16 ottobre 2012
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy