Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 17 SETTEMBRE 2019
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Iss. Sulla nomina di Oleari alla fine deciderà Monti 

Continua a far discutere la designazione di Fabrizio Oleari ai vertici dell’Iss. Le critiche che la politica ha mosso al governo, a cui spetta la nomina, riguardano essenzialmente l’opportunità della scelta che cade “in prossimità delle elezioni”. Balduzzi difende il suo operato. Il Parlamento si divide.

30 GEN - Era atteso per oggi il parere della Commissione Igiene e Sanità del Senato in merito alla nomina di Fabrizio Oleari alla presidenza dell’Iss e alla fine di una lunga seduta i senatori questa mattina hanno approvato con 12 voti favorevoli, 7 contrari e un voto di astensione, la scelta fatta dal governo nel corso del Consiglio dei ministri del 18 gennaio scorso.
 
La scorsa settimana invece la Commissione Affari Sociali della Camera, nel corso di un ufficio di presidenza, aveva scelto di non dare il proprio parere. E nel fare ciò aveva inviato una lettera al presidente dell’Assemblea, Gianfranco Fini, in cui si definiva la decisione assunta dal governo “inopportuna dal punto di vista politico”.
 
Insomma oltre a giudicare inadeguato il curriculum del prescelto, i membri della Commissione della Camera sottolineavano come, ad un mese dalle elezioni, non fosse il caso che Oleari, responsabile della prevenzione del ministero della Salute, venisse nominato alla guida di un organismo così importante per la sanità italiana.

 
Ad accendere la polemica, appena venuto a conoscenza della nominaera stato il senatore del Pd, Ignazio Marino, che dichiarava “senza entrare nel merito della scelta e della professionalità dei concorrenti, il metodo ricorda più le logiche di una vecchia politica che gli italiani non tollerano più rispetto al rigore e alla rasparenza delle le grandi democrazie nord europee a cui dice di ispirarsi il presidente Monti”.
 
A stretto giro il ministro Balduzzi rispondeva a Marino, e a quanti avevano criticato il metodo, facendo notare che l’avvio della procedura per la nomina di Oleari era partita “il 13 agosto 2012, quasi un anno prima dell’allora prevista scadenza naturale della legislatura. Con un invito pubblico il Ministro ha sollecitato la raccolta di dichiarazioni di interesse da parte di quanti, rispondenti ai requisiti di competenza, volessero proporre la loro candidatura da sottoporre al vaglio di una Commissione internazionale di esperti”.
 
Dunque per il responsabile della Salute “la procedura per la nomina del Presidente dell’Istituto superiore di sanità è stata avviata dunque in largo anticipo rispetto alle dimissioni del Governo e il metodo scelto dal Ministro Balduzzi, fondato su criteri di trasparenza e obiettività, ha rappresentato una novità assoluta per il nostro Paese.”
 
A questo punto, incassati i due pareri del Parlamento, seppur contrastanti, spetterà al premier Mario Monti sciogliere il nodo decidendo se tener conto o meno delle numerose obiezioni che la politica ha mosso nei confronti di questa scelta oppure andare avanti firmando il decreto di nomina. 

30 gennaio 2013
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy