Quotidiano on line
di informazione sanitaria
27 SETTEMBRE 2020
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Verso le elezioni. Le istanze dei veterinari e medici Fvm ai candidati


Sarà lanciato domani a Torino nel corso di un convegno sulla “Sicurezza alimentare e prevenzione. Investimento, opportunità o spesa inutile oggi?” il Manifesto in 9 punti della Fvm per chiedere lo stop “ai tagli lineari, al precariato e al federalismo improvvisato che mettono a rischio il Ssn”.

14 FEB - Chiedono interventi “profondi”, il “ripensamento del federalismo e delle competenze relative alla sanità”. Invocano “una riforma strutturale della governance che metta al centro i medici e i veterinari” e auspicano la fine delle politiche di “emergenzialismo economico che stanno mettendo in ginocchio tutta l’organizzazione dei servizi”. E sottolineano la necessità di investire in prevenzione e sicurezza alimentare perché “sono un tassello essenziale della sanità pubblica e dello stato di benessere della cittadinanza”.

Sono i veterinari e i medici della Fvm, che domani a Torino, nel corso di un convegno dedicato, appunto, a “Sicurezza alimentare e prevenzione. Investimento, opportunità o spesa inutile oggi?” (vedi il programma), presenterà un Manifesto in 9 punti che, secondo la Fvm, dovrebbero qualificare i programmi del nuovo Governo”.

1.    PORRE FINE AI TAGLI LINEARI che in Sanità causano la progressiva asfissia dei servizi di eccellenza e impediscono di investire in prevenzione, l’unico vero intervento che può generare nel tempo risparmi effettivi.


2.    FUORI I PARTITI DALLA GESTIONE DELLA SANITÀ PUBBLICA: serve un'efficace riforma della governance che liberi il SSN dalla presenza pervasiva dei partiti e delle clientele. I medici e i veterinari devono essere messi al centro del governo delle aziende, con un unico criterio di riferimento: il merito.

3.    SBLOCCARE I CONTRATTI DEL PUBBLICO IMPIEGO, scaduti nel 2010, determinando una concreta rivalutazione economica, ma anche potenziando lo strumento contrattuale per rivalutare i percorsi di crescita professionale.

4.    RIPENSARE IL FEDERALISMO SANITARIO: rafforzare il ruolo del Ministero della salute nella programmazione sanitaria, rafforzando la cogenza dei LEA e prevedendo livelli minimi organizzativi delle strutture sanitarie territoriali.

5.    SUPERARE IL PRECARIATO: chiudere la vergognosa questione dell’inquadramento professionale e del precariato dei dirigenti veterinari delle ASL, degli IZS e del Ministero della salute.

6.    MIRARE LA FORMAZIONE: definire un percorso formativo universitario, di base e specialistico, appropriato per le funzioni che nel Sistema Sanitario Nazionale svolgono i servizi veterinari di sanità animale, igiene zootecnica e sicurezza alimentare.

7.    TUTELARE SENZA APPESANTIRE: eliminare la sovrapposizione tra Enti di controllo e gestione dei rischi sulla salute pubblica appartenenti a diversi comparti della pubblica amministrazione; rafforzare il ruolo del Veterinario di Sanità Pubblica nel Sistema Sanitario Nazionale; rafforzare il ruolo dei servizi dei dipartimenti di prevenzione medici e veterinari quali autorità competenti in materia di sanità pubblica veterinaria e sicurezza alimentare;  monitorare l’effettiva rispondenza tra leggi regionali ed assetto organizzativo dei Dipartimenti di Prevenzione, ribadito dal novellato articolo 7 del D.Lgs. 502.

8.    VALORIZZAZIONE DEL MODELLO ITALIANO DI MEDICINA VETERINARIA PREVENTIVA: assicurare la partecipazione dei Servizi Veterinari alla programmazione e gestione del territorio, del patrimonio ambientale e faunistico, delle potenzialità agroalimentari, della biodiversità, dei giacimenti culturali gastronomici, dell’equilibrio degli animali urbani o sinantropi, alla tutela delle regole commerciali, oltre che alla prevenzione sanitaria che resta il nucleo centrale cui fare riferimento.

9.    MINISTERO DELLA SALUTE: preservare la funzione sanitaria nel corso della riorganizzazione del Ministero della salute con particolare riguardo per la Sicurezza Alimentare e la Sanità Pubblica Veterinaria.

Secondo la Fvm, per rilanciare la sanità e le politiche di prevenzione, servono infatti “interventi profondi, intanto, nell’architettura istituzionale e, in particolar modo, auspicando un ripensamento del federalismo e delle competenze relative alla sanità”. La riforma strutturale della governance deve mettere “al centro del governo delle aziende i medici e i veterinari (fuori i partiti e il clientelismo), con un solo criterio di riferimento: il merito”. Il messaggio della Fvm è quindi “basta alle politiche di ‘emergenzialismo economico’ che stanno mettendo in ginocchio tutta l’organizzazione dei servizi”, stop “ai tagli lineari” e a “un modello di lavoro basato principalmente sul ricorso massiccio al precariato, sblocco dei contratti del pubblico impiego e delle convenzioni, valorizzazione del modello italiano di assistenza sanitaria e prevenzione primaria, impegno sulla formazione (potenziata e mirata)”.
 
Serve invece, secondo la Fvm, "un serio intervento sugli enti di controllo e prevenzione sulla salute pubblica all’insegna della semplificazione, evitando le sovrapposizioni ma sempre garantendo i più alti livelli di sicurezza del cittadino”. A partire dal settore alimentare. Perché “la qualità e la varietà degli alimenti del nostro paese, coniugate con la sicurezza garantita da una rete efficace di controlli, rappresentano anche un formidabile volano economico che va tutelato e ancor più valorizzato”. E in questo il ruolo dei medici e dei veterinari del Ssn è fondamentale, perché sono “le sentinelle sia nei casi di grandi emergenze come avvenuto in passato con l’influenza aviaria o la mucca pazza, ma anche la prima linea di controllo della qualità del cibo e quindi della corretta alimentazione”.

Con più sicurezza e più prevenzione, conclude la Fvm, “avremo meno malattie e, quindi, anche meno costi per il Ssn. Prevedere risorse adeguate per i settori medico e veterinario della prevenzione, è, quindi, un investimento produttivo e vantaggioso per l’Italia”.

 

14 febbraio 2013
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy