Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 12 DICEMBRE 2019
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Asl. Incarichi di direzione, divieto per cinque anni a chi si candida alle elezioni

Lo prevede la bozza di Decreto legislativo il cui esame è stato avviato in Consiglio dei Ministri la settimana scorsa. Il divieto riguarda le nomine a direttore generale, sanitario e amministrativo di Asl e ospedali. E lo stesso vale per chi ha ricoperto cariche di governo regionale (stop per 3 anni) o nazionale (2 anni).

18 FEB - La poltrona di direttore generale, sanitario e amministrativo sarà interdetta a quanti nei cinque anni precedenti siano stati candidati “in elezioni europee, nazionali, regionali e locali, in collegi elettorali che comprendano il territorio di della Asl”.
 
A mettere i paletti a quanti ambiscono a incarichi di direzione nelle Asl è la bozza di D.lgs sulle “inconferibilità e incompatibilità di incarichi conferiti presso le pubbliche amministrazioni e presso gli enti privati in controllo pubblico”, il cui esame è stato avviato venerdì in Consiglio dei ministri, e anticipato da il Sole24ore Sanità.
 
Il provvedimento, in ottemperanza alla legge anti-corruzione, stabilisce inoltre tempistiche differenti a seconda degli incarichi ricoperti negli anni precedenti alla direzione delle Asl.
E così per chi ha ricoperto incarichi di Governo l’inconferibilità è di due anni. Stesso destino per chi ha esercitato funzioni in amministrazioni dello Stato o di enti pubblici, enti di diritto privato sotto il controllo pubblico che svolgano funzioni di controllo vigilanza o finanziamento del Ssn.

Per le cariche parlamentari l’inconferibilità è invece di un anno.
 
E ancora, la poltrona è interdetta per tre anni per quanti hanno fatto parte della Giunta o del consiglio regionale o che sia stato amministratore di enti che svolgano funzioni di regolazione del Servizio sanitario regionale. L’inconferibilità è invece di due anni per quanti siano stati amministratori locali nelle province e nei comuni maggiori della Regione.
 
Il provvedimento stabilisce inoltre che anche gli incarichi di direttore generale, sanitario, amministrativo non possono essere conferiti a coloro che nei due anni precedenti abbiano svolto incarichi e ricoperto cariche in enti di diritto privato e regolati dal Ssn.

18 febbraio 2013
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy