Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 18 OTTOBRE 2019
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Camera. Prevenzione ferite taglio e punta. Affari Sociali: "Norme Ue siano estese a tutte professioni e ad assistenza domiciliare"

L'indicazione è contenuta nel parere favorevole sul Dlgs di adeguamento all'Ue, espresso assieme alla Commissione Lavoro. Chiesta inoltre la definizione di informazione specifica per volontari che operano fuori da strutture sanitarie. Necessarie sanzoni con importi più elevati per inadempienti. IL PARERE

23 GEN - Le norme comunitarie circa la prevenzione di ferite da taglio o da punta nel settore ospedaliero devono necessariamente riguardare ogni operatore e ogni professione impiegati in ambito ospedaliero, sanitario e sociosanitario. Un principio che si applica, senza distinzione alcuna, a chi lavora con contratto indeterminato, di apprendistato o con un rapporto interinale. E’ quanto hanno espresso le commissioni Lavoro e Affari sociali della Camera nel loro parere favorevole sul Dlgs di adeguamento all'Ue in materia di prevenzione delle ferite da taglio o da punta nel settore ospedaliero e sanitario.

Il parere include inoltre la richiesta di una specifica disposizione affinché le Regioni applichino principi e norme di tutela contenute nel Dlgs anche all'interno dei protocolli che regolano il convenzionamento e l’accreditamento dei soggetti privati operanti nel campo sanitario e socio-sanitario.

Le commissioni chiedono poi di introdurre tra i luoghi di lavoro coinvolti dall’applicazione anche le case dei pazienti presso cui gli operatori sanitari erogano assistenza domiciliare. Il principio è infatti che tutela e prevenzione devono essere rispettate, senza alcun genere di eccezione, anche nell’ambito di prestazioni e attività fornite all’esterno delle strutture sanitarie. Per quanto concerne le cure domiciliari è anche necessario che vengano definite specifiche modalità di informazione destinate ai volontari. Nel complesso, per chi commette inadempienze, le commissioni chiedono che, per incrementare la deterrenza, vengano fissate sanzioni con importi più alti.

 

23 gennaio 2014
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer IL PARERE

Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy