Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 18 LUGLIO 2019
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Conferenza delle Regioni. Errani: "I risparmi restino in sanità. Anche per abbassare addizionali e ticket"

I risparmi della spending devono rimanere al Ssn. Per investire in tecnologie e farmaci, e magari anche per ridurre il “peso” di addizionali e ticket. Elaborati emendamenti su riforma costituzionale: “Proponiamo una legge bicamerale che profili le diverse competenze tra Stato e Regioni, dal momento che, in alcune materie, la concorrenza esisterà sempre”

10 APR - Non ci sono inversioni di passo da parte del presidente della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani. Al termine della Conferenza delle Regioni per la prosecuzione del dibattito sulle riforme costituzionali e che ha inevitabilmente toccato Def e sanità: “I risparmi devono rimanere all’interno del Ssn – ha dichiarato Errani –  sia per rispondere alle grandi sfide sull’innovazione scientifica, pensate solo ai nuovo farmaci ad esempio quello per l’epatite C che ha un costo rilevatissimo, e che arriverà nel nostro paese nel giro di poco tempo ed è un fatto importante per i cittadini, pensate all’innovazione scientifica e tecnologica. Ma nello stesso tempo laddove ci sono regioni che hanno applicato addizionali e ticket per il rientro, il risparmio potrebbe essere restituito anche per diminuire ticket e addizionali”.
 
Una posizione ribadita anche dal governatore della Regione Toscana, Enrico Rossi: “Si discuta di sanità, ma lo si faccia con rispetto: si faccia la spending review anche sulla base delle direttive governative e si reinvestano i risparmi nelle tecnologie e nei nuovi farmaci. Soprattutto in tempo di crisi la sanità deve essere mantenuta come sicurezza sociale e anche come volano per lo sviluppo, può essere un treno che tira l'industria del settore e rimette in moto gli investimenti”.

 
Ma la Conferenza di oggi ha avuto al centro del confronto le riforme costituzionali sulle quali sono stati elaborati una serie di emendamenti.  L’idea è quella di un nuovo Senato con “una funzione di garanzia rafforzata in rapporto alle competenze statali e delle Autonomie. Proponiamo una legge bicamerale che profili, nel dettaglio, le diverse competenze tra Stato e Regioni, dal momento che, in alcune materie, la concorrenza esiste sempre. Ci sono le condizioni per un confronto con il Governo – ha concluso Errani – a cui presenteremo degli emendamenti. Condividiamo comunque in pieno l'idea di un Senato delle autonomie e delle Regioni di secondo grado, ma di questo ne parleremo quando avremo un confronto con il Governo”.

In attesa che il Governo convochi le Regioni, la Conferenza delle Regioni e la Conferenza dei consigli regionali si incontreranno il prossimo 14 aprile presso l’Aula dei gruppi parlamentari della Camera, per discutere delle riforme istituzionali, in particolare sul superamento del bicameralismo perfetto e sul Titolo V della seconda parte della Costituzione. L’incontro, rilevano in un comunicato congiunto “sarà l’occasione per portare il contributo di idee e proposte dell’intero sistema regionale in questo significativo passaggio della vita democratica del Paese”.

10 aprile 2014
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy