Quotidiano on line
di informazione sanitaria
18 AGOSTO 2019
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Speciale: la #sanità twitta a @matteorenziCalì (Smi): “Cinguettii a parte, il dato è che la nostra sanità sta molto male”

Per il segretario dello Smi il Ssn “ha bisogno di cure: risorse, nuova mentalità, riorganizzazione, fine dello strapotere delle Regioni, ma anche delle complicità miope di molti sindacati”. 

28 APR - "Magra consolazione: non ci sono altri tagli alla sanità nell'ultima manovra del Governo. Almeno per ora – afferma il segretario dello Smi, Salvo Calì - . Perchè il Ssn rimane, comunque, un bancomat, ed è difficile immaginare che questa radicata abitudine sia stata spazzata via dall'Esecutivo guidato da Renzi. Rimane, addirittura, il sospetto che quello della Lorenzin sia stato solo un gioco delle parti. Da un lato si filtrava che sarebbe arrivata l'ennesima stangata, dall'altro si utilizzava twitter per dare la sensazionale notizia: pericolo scampato. Applausi al ministro. E nel mezzo i medici: a protestare, come protagonisti di un gioco di cui sono solo inconsapevoli vittime”.

“Ad ogni, modo, - specifica Calì -  cinguettii a parte, il dato è che la nostra sanità sta male, molto male e ha bisogno di cure: risorse, nuova mentalità, riorganizzazione, fine dello strapotere delle Regioni, ma anche delle complicità miope di molti sindacati”. 

“Il Patto per la salute – prosegue il leader dello Smi -  è un primo banco di prova complessivo. Ma non sono da trascurare anche le trattative delle convenzioni della medicina generale, della specialistica ambulatoriale e della pediatria, dove, invece, si ripetono già vecchi riti: divisioni, assenza di una strategia condivisa, coltivazione del piccolo orticello, mancanza di proposte unitarie della categoria. Alcuni spunti: fine del blocco del turn over, sanare la piaga del precariato, rinnovo degli accordi di lavoro, riorganizzazione vera delle cure primarie (valorizzando tutte le figure professionali che operano sul territorio), confronto per un nuovo stato giuridico dei medici, convenzionati e dirigenti, con il contratto unico della categoria. Quindi, il convitato di pietra: riforma del Titolo V per chiudere con il malinteso federalismo". 

28 aprile 2014
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy