Quotidiano on line
di informazione sanitaria
24 MARZO 2019
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Speciale: la #sanità twitta a @matteorenzi. Fasola (Cipomo): “Contro il cancro servono scelte coraggiose”

Il presidente del Collegio dei primari oncologi medici spiega come l’Oncologia stia vivendo una fase di profonda innovazione, farmacologica e organizzativa, guidata dai progressi della ricerca e dall’aumento dei pazienti: “Non possiamo accettare di essere lasciati soli di fronte a vincoli che non possiamo governare”.

30 APR - “La dichiarata assenza di tagli alla Sanità Pubblica nella manovra approvata dal Governo rischia di essere vanificata dalla riduzione delle risorse destinate alle Regioni e questa, per chi si occupa di tumori, non è una buona notizia”. Questo il commento di Gianpiero Fasola, presidente Cipomo, sulla manovra recentemente approvata dal Governo Renzi.

“L’Oncologia – spiega infatti Fasola - sta vivendo una fase di profonda innovazione, farmacologica e organizzativa, guidata dai progressi della ricerca e dall’aumento esponenziale dei pazienti: questo fenomeno richiede di essere seguito con attenzione dalle Istituzioni. Il numero di malati cresce di anno in anno, aumentano le possibilità di cura, e con esse i costi dei nuovi farmaci. Le stime più realistiche per l’anno in corso prevedono un aumento della spesa destinata ai farmaci oncologici compreso tra il 10 e il 20%. Nei mesi scorsi tutti i Primari Oncologi Ospedalieri hanno affrontato con le proprie Direzioni Generali la discussione della scheda di budget per il 2014. Dalle segnalazioni arrivate a Cipomo in molti casi si è usciti dalla negoziazione con un’assegnazione di risorse per i farmaci oncologici insufficiente a far fronte alle esigenze di trattamenti per l’anno in corso. Come ignorare l’innovazione rappresentata dai nuovi farmaci - Pertuzumab, TDM-1, Crizotinib, Ipilimumab, Abiraterone, solo per citarne alcuni – da poco approvati dalle Autorità regolatorie per curare alcuni importanti tumori?”.

 
Per il presidente del Cipomo “è maturo il tempo per una revisione delle modalità di introduzione dei nuovi farmaci e della negoziazione dei costi. Nella letteratura scientifica internazionale è in corso un dibattito che indica alcune strade da percorrere per rendere il processo di autorizzazione di un nuovo farmaco sostenibile dai Sistemi Sanitari: esigere che di ogni nuova molecola approvata sia noto il rapporto incrementale costo efficacia (ICER); stabilire che non possano essere rimborsati trattamenti che abbiano un ICER superiore a una certa cifra per anno di vita guadagnato pesato per qualità (l’Italia può forse permettersi ICER compresi tra 50 e 100.000 euro probabilmente, non però valori molto superiori); definire sulla scia di quanto proposto dall’American Society of Clinical Oncologyquale sia il beneficio clinico ritenuto rilevante e come debbano essere progettati, di conseguenza, gli studi registrativi; rinegoziare il prezzo di farmaci innovativi sul mercato da oltre 5 anni; avviare iniziative “sistematiche” di audit, con il coinvolgimento delle Società Scientifiche, volte a identificare altri costi evitabili e a diffondere “le buone pratiche”; intervenire laddove il rapporto tra consumo di alcune molecole ad altro costo e il numero di casi trattati si discosti in modo anomalo dalla media e rivedere, se occorre, la normativa sui conflitti di interesse; favorire la diffusione dell’attività di ricerca delle aziende ospedaliere, facilitando la gestione amministrativa degli studi, inserendo i “data manager” tra le figure del SSN e incentivando la partecipazione con obiettivi aziendali ad hoc. Questo ridurrebbe la spesa per i nuovi farmaci, accrescendo  l’autorevolezza scientifica del Paese”.
 
“Abbiamo da tempo segnalato a diversi livelli istituzionali la prossima insostenibilità del costo delle cure per il cancro”, prosegue Fasola. “E’ arrivato il momento di adottare scelte coraggiose. Quello che non possiamo accettare è di essere lasciati soli di fronte a vincoli che non possiamo governare”.

Fasola ha quindi annunciato che il Cipomo “sta lavorando alacremente per proporre modelli organizzativi orientati all’appropriatezza, al rispetto del paziente e alla sostenibilità economica: contiamo di avere le Istituzioni al nostro fianco. Solo attraverso questo difficile cammino sarà possibile continuare ad offrire a tutti i pazienti i giusti trattamenti senza mettere a rischio il valore del Servizio Sanitario universalistico che ci caratterizza nel mondo”.

30 aprile 2014
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy