Quotidiano on line
di informazione sanitaria
21 LUGLIO 2019
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Donazione di organi. Ecco la nuova campagna del ministero

“Forse non salverò il mondo, ma una vita sì”. È questo il messaggio scelto dal ministero e accompagnato dall’immagine di persone comuni trasformati in super eroi. L’obiettivo è combattere la resistenza alla donazione e al trapianto, legata nel 39% dei casi alla “sfiducia nel sistema” e nel 29% alla “paura della manipolazione del corpo umano”.

21 GIU - Dal 2000 ad oggi gli italiani che hanno dato il loro assenso alla donazione di organi e tessuti sono 1.392.703. Ma tante restano le persone che non vogliono donare. Secondo un'indagine condotta dall'Eurobarometro le principali cause ostative alla manifestazione di volontà per il campione italiano sono rappresentate innanzitutto da:
-    30%: sfiducia nel sistema (sistema trapianti, consenso alla donazione e sistema sanitario in generale)
-    29%: paura della manipolazione del corpo umano

A ricordare questi dati è il ministero della Salute, che sulla base di queste premesse, ha lanciato la nuova Campagna 2014 a favore della donazione e del trapianto di organi che persegue in particolare i seguenti obiettivi di comunicazione:
-    informare i cittadini sulle attuali modalità di dichiarazione della volontà sulla donazione di organi e tessuti
-    sensibilizzare i cittadini sull'affidabilità del sistema trapianti italiano in termini di: trasparenza dei criteri di inserimento nelle liste d'attesa; sicurezza delle procedure di prelievo e trapianto; oggettività delle regole di accertamento di morte e massima professionalità degli operatori nell'accertamento stesso.

Il concept della campagna
Premiata come vincitrice di un concorso che il Ministero della salute e la Fondazione "Socially Correct" hanno promosso nelle più importanti scuole italiane di design e pubblicità, la creatività esalta la straordinarietà di un gesto semplice. Con una semplice firma infatti si può esprimere la volontà in materia di donazione degli organi e salvare la vita di qualcun altro, o contribuire a curare molte malattie altrimenti non curabili. Nello spot i protagonisti sono persone comuni che compiono gesti quotidiani come portare la spesa, fare jogging o caricare in macchina il passeggino, ma che, con un veloce movimento di camera, svelano dettagli dei costumi dei supereroi.

Il messaggio è che i donatori sono persone assolutamente normali che, grazie ad una scelta semplice come firmare una dichiarazione di volontà, possono compiere gesti straordinari.
In ognuno di noi c'è un donatore potenziale, basta saperlo scoprire.
Il meccanismo dello "svelamento", che genera attenzione e curiosità, ci viene presto spiegato da un cartello e dallo spk che mostrano l'headline "Per salvare una vita non servono superpoteri. Basta una firma".

Target
La popolazione italiana in generale, con particolare riferimento ai giovani.

Strumenti e Pianificazione Mezzi
Data l'ampiezza del target  il Ministero ha pianificato una campagna di tipo tradizionale, con la produzione e la diffusione di:
•    uno spot televisivo 30''
•    un radio comunicato 30'',
integrati con una campagna web che prevede:
•    la landing page www.sonoundonatore.it (sito informativo a scorrimento e di facile consultazione),
•    la presenza sui social network/canali video (Facebook e Youtube)
•    una app per coinvolgere i più giovani con iniziative virali e giochi  consultabili direttamente dallo smartphone.L'applicazione facebook di sonoundonatore.it, permette all'utente di caricare una propria foto all'interno di una polaroid, e di aggiungere alla stessa una delle frasi abbinate alla campagna istituzionale, oltre ad una scelta di accessori simpatici.L'idea è quella di spingere le persone a creare composizioni divertenti con le proprie foto, abbinandole a delle frasi che - senza essere troppo istituzionali - rimandano alla campagna, con l'obiettivo di spingere alla condivisione del messaggio.

Lo spot tv verrà trasmesso negli spazi messi a disposizione dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, mentre lo spot radio avrà una durata di 30'' e verrà trasmesso dalle principali emittenti nazionali (RTL, Radio Deejay, Radio 105, RDS, Radio Italia).
Oltre ad una campagna advertsing e ad una campagna web è stata prevista anche una parte "below the line" con la produzione di materiale informativo distribuito alle associazioni di settore che fanno parte del tavolo di lavoro con il Ministero e il Centro Nazionale trapianti.

La regia dello spot
Lo spot è stato firmato dal regista e scrittore Fausto Brizzi, già autore di fortunate commedie quali "Notte prima degli esami", "Ex" e "Maschi contro femmine".

Timing
La campagna sul web (landing page, pagina face book, app…)  è partita il giorno 31 maggio 2014 in occasione della Giornata nazionale dei trapianti e della donazione di organi, tessuti e cellule.
Lo spot sarà online nel corso dell'estate 2014 e verrà riproposto in occasione dell'EODD 2014 (European organ donation day), che quest'anno è stato organizzato in Italia nel mese di ottobre.
 

21 giugno 2014
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy