Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 21 GENNNAIO 2020
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Spending review. Troise (Anaao): “Pacco o patto per la salute?

Tagliare la sanità nei periodi di crisi economica, ha ricordato il segretario nazionale del sindacato, è un attentato al diritto alla salute dei cittadini ed un provvedimento recessivo, che colpisce un settore che rappresenta l’11% del Pil, in cui ogni euro investito ne produce tre.

12 SET - “La credibilità nella vita degli uomini è un valore importante, tanto più in quella delle istituzioni. La svolta epocale di cui si era parlato a luglio dopo il parto del patto per la salute tra Governo e Regioni sembra svanita con il sole di agosto”.
Così Costantino Troise, Segretario Nazionale Anaao Assomed, in merito ai possibili tagli alla sanità.
 
“Per la verità, in quanto a credibilità, il Governo è recidivo – ha dichiarato in una nota – , visto che lo stesso Consiglio dei ministri che a maggio ha approvato il contratto quadro sui permessi sindacali lo ha violato il mese successivo. Fino alla noia ripeteremo che tagliare la sanità nei periodi di crisi economica è un attentato al diritto alla salute dei cittadini ed un provvedimento recessivo, che colpisce un settore che rappresenta l’11% del PIL, in cui ogni euro investito ne produce 3.
 
Dopo il grasso che cola, senza indicarne sede e beneficiari, è il turno della litania del taglio non ai servizi, ma agli sprechi, senza che qualcuno provi a mettere nero su bianco una loro lista con il foglio excel della eliminazione. Magari, meglio di tanti consulenti, potrebbe funzionare uno come Sergio Rizzo come Virgilio in quell’inferno.

 
Mentre i ministri titolari annunciano che la difesa non si tocca e che sono stati trovati i soldi per lo sblocco retributivo degli statali in divisa, vorremmo ricordare – ha concluso – che c’è qualche differenza di costo e di funzione tra un defibrillatore ed un f35 e che sbloccare le retribuzioni degli statali in camice non richiede risorse aggiuntive per i bilanci pubblici. La sanità esige certo analisi e riflessione che non possono essere sintetizzate in 140 caratteri, ma non è una buona ragione per continuare ad usarla come bancomat rimuovendo le richieste dei suoi professionisti. Senza i quali anche il contenimento dei costi continuerà a muoversi tra tagli e ritagli a danno del diritto alla salute e di quello del lavoro”.

12 settembre 2014
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy