Quotidiano on line
di informazione sanitaria
29 GENNAIO 2023
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Delega lavoro Patto Salute. Giovani medici SIGM: “Bene Reti regionali ma vi entrino anche i mmg. Rischio inquadramenti differenziati”


Per il Segretariato italiano dei giovani medici la nuova organizzazione ospedale-università prevista dal nuovo testo va bene. Ma mantengono dubbi sul nuovo modello di inquadramento nell’ultimo biennio di formazione specialistica: “Seri rischi di disparità di trattamento nella progressione di carriera”.

17 GEN - “Bene che sia passato il concetto di Reti Regionali di Formazione dei giovani medici, che seguano un accreditamento rigoroso basato su standard nazionali, come proposto dalla nostra Associazione a tutti i livelli. Ma Ministeri e Regioni abbiano il coraggio di ricomprendere nelle reti integrate anche la formazione di medicina generale per allinearla agli standard UE. Bene anche il mantenimento del meccanismo di selezione su base nazionale”.  Così il Segretariato italiano dei giovani mkedici alla notizia delle modifiche alla legge delega sulle risorse umane.
Ma qualche perplessità sul nuovo testo rimane. “Esprimiamo forti perplessità – dicono alla SIGM - in merito all’ipotesi di un inquadramento differenziato, negli ultimi anni di corso, riservato ad un contingente limitato e variabile di medici in formazione, che andrebbe a carico delle Aziende Sanitarie del SSN, e quindi delle Regioni, selezionato attraverso specifici bandi di concorso!. 
 
“Il rischio – spiegano - è di incorrere nell’errore di riservare disparità di trattamento nella progressione di carriera. E’ di fondamentale importanza inoltre evitare che tali ruoli siano parte integrante delle piante organiche, col rischio di saturarle e di non garantire adeguati sbocchi lavorativi alle giovani generazioni”. 
“Resta ancora da chiarire -  aggiungo inoltre - se il contribuito economico che offrono le Regioni possa essere tale da garantire, direttamente o indirettamente, un incremento significativo del contingente di contratti di formazione per ridurre il gap tra numero di laureati e sbocchi nel post lauream”. 
Per i Giovani medici la via da seguire è che “la legge delega definisca criteri e metodologia per la previsione e definizione dei fabbisogni su base regionale e nazionale”. Il tutto essendo “resi partecipi della discussione e del processo di definizione della legge”.

17 gennaio 2015
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy