Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 10 LUGLIO 2020
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Stabilità. Taranto (Fp Cgil): “Nessuna risorsa aggiuntiva. Assunzioni sono una beffa”


Il sindacato critica la proposta emendativa del governo che prevede nuove assunzioni e stabilizzazioni in sanità dai risparmi derivanti dalle nuove norme sulla medicina difensiva. “Si tratta solo di una beffa per camuffare, invano, la conferma dei pesanti tagli al Servizio sanitario nazionale”.

11 DIC - “Un'ennesima, doppia, presa in giro: non c'è alcuna risorsa aggiuntiva per le nuove assunzioni, per altro già previste, mentre per rispondere alla direttiva europea sull'orario di lavoro si programmano nuove sacche di precariato”. Ad affermarlo è la segretaria nazionale della Fp Cgil, Cecilia Taranto, in merito all'emendamento in legge di Stabilità per nuove assunzioni in Sanità, nel precisare che “si tratta solo di una beffa per camuffare, invano, la conferma dei pesanti tagli al Servizio sanitario nazionale che lo condanneranno a un declino inesorabile, in modo particolare per le regioni sottoposte al piano di rientro che si vedono negate tutte le possibilità di assunzione”. 

Nel merito, osserva Taranto, “delle preannunciate assunzioni non c'è traccia alcuna perché non si prevede una sola risorsa aggiuntiva. Inoltre si confermano tutte le procedure già previste dalla precedente normativa, ad eccezione di due cose: la tempistica per la maturazione dei requisiti e la modifica della platea di riferimento, con l'inclusione di tutte le forme atipiche di lavoro, ma solo per medici e infermieri”. Ancora poi, precisa la segretaria della Funzione Pubblica Cgil, “per affrontare il nodo della regolarità dell'orario di lavoro in sanità, come imposto dall'Unione Europea, il governo prevede nell'emendamento l'autorizzazione alla crescita di nuova precarietà, per i primi cinque mesi del prossimo anno”. 


Per questo, ribadisce Taranto, “confermiamo quindi la nostra contrarietà: non servono trucchi, non servono deroghe e non servono proroghe. Servono più risorse per la Sanità, così come servono le giuste risorse per rinnovare il contratto della Sanità, scaduto da troppi anni. Ma appare sempre più chiaro il progetto del governo, quello in linea con chi sostiene che la sanità complementare è ormai necessaria, abbattendo i livelli essenziali di assistenza e gli stipendi delle lavoratrici e dei lavoratori. Non è ciò che vogliamo e non è ciò che i cittadini si meritano: vogliamo una sanità di qualità e pubblica, per tutti”, conclude.

11 dicembre 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy