Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 17 GENNNAIO 2018
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

I commenti alla stabilità/5. Nicchi (Sel): “Rappresenta un’occasione persa per garantire il diritto alla salute e una nuova certezza per la sua privatizzazione”

Si poteva e si doveva investire sul sistema sanitario pubblico a partire dal suo capitale umano e invece si è perseguita e suggellata la linea del suo impoverimento: definanziamento del Fondo – prima 2,4 miliardi ora altri tre miliardi in meno rispetto alle previsioni, e gioco dello scaricabarile sulle Regioni riguardo alle assunzioni indispensabili, ma autorizzate solo dopo eventuali e futuri risaprmi ottenibili con tagli di prestazioni certi.

02 GEN - La Legge di Stabilità approvata rappresenta un'occasione persa per garantire il diritto alla salute e una nuova ceretezza per la sua privatizzazione.
Si poteva e si doveva investire sul sistema sanitario pubblico a partire dal suo capitale umano come ci impone l'Europa con la direttiva sul giusto orario e come consiglierebbe la lungimiranza di considerare la salute anche linfa per lo sviluppo economico e per il buon lavoro. Invece si è perseguita e suggellata la linea del suo impoverimento: definanziamento del Fondo – prima 2,4 miliardi ora altri tre miliardi in meno rispetto alle previsioni, e gioco dello scaricabarile sulle Regioni riguardo alle assunzioni indispensabili, ma autorizzate solo dopo eventuali e futuri risaprmi ottenibili con tagli di prestazioni certi.
 
Un nostro emendamento respinto pregiudizialmente prevedeva nuove assunzioni
con coperture tratte dalla riduzione di detrazioni fiscali per banche e assicurazioni. E' chiara come il sole lo scambio perseguito tra meno tasse senza distinzione tra quelle sulla proprietà di case di prestigio e yacht e riduzione di risorse per visite, esami, farmaci, cure. E' un danno incalcolabile.

 
Si lega sempre di più il diritto alla salute al censo e dunque si accentuano inaccettabili diseguaglianze di salute. Non sono mancati, in questa legge di stabilità, favori corporativi che sottraggono ulteriori risorse dal Sistema Pubblico. Un esempio è la concessione agli IRCCS - senza distinzione tra pubblici e privati - di una regolazione della compensazione a piè di lista della mobilità sanitaria che vanifica la programmazione e gli accordi tra Regioni.
 
Quando le Regioni si sottrarranno a queste mannaie? 
 
On. Marisa Nicchi
Commissione Affari Sociali
Sinistra Ecologia e Libertà

02 gennaio 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy