Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 25 GIUGNO 2016
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Lorenzin: “Il nostro modello sanitario è forte e unico e dev’essere esportato. Con Cina piano triennale di collaborazione”

Il ministro della Salute nel suo editoriale sulla newsletter del Ministero parla del nostro Ssn e del suo viaggio in Cina dove ha sottoscritto, tra l’altro un Piano di azione triennale con il ministro della Salute cinese Li Bin per una forte sinergia in ambito sanitario.

29 GEN - Il nostro Paese è forte di un modello sanitario unico che può e deve essere esportato nei luoghi strategici del mondo, tra cui la Cina, tramite le proprie esperienze e il proprio know-how. La missione del ministero della Salute in Cina è dunque importante oltre che per il profilo sanitario, grazie agli accordi di collaborazione tra i due Paesi che abbiamo siglato, anche per far conoscere il nostro sistema che può essere da loro non solo implementato e valorizzato, ma addirittura in un certo senso "acquistato", come blocco di esperienze e di know-how.? Basti pensare che ci sono Paesi che offrono modelli sanitari che spendono quasi il doppio di noi per avere un livello di qualità assolutamente inferiore al nostro, e lo dicono le statistiche di OMS e Bloomberg, per capire l'importanza di offrire quello che noi sappiamo fare meglio degli altri, cioè organizzare servizi sanitari che costano poco e offrano la massima resa in termini di qualità e di efficienza.
 
In quest'ottica ho stipulato qui in Cina il nuovo Piano di azione triennale con il ministro della Salute cinese Li Bin che indica la volontà di proseguire e sviluppare sempre più la relazione tra i due Paesi nel settore sanitario, prevedendo di scambiare informazioni, condividere e confrontare esperienze e progetti, facilitare la conoscenza e le comunicazioni tra istituzioni ed esperti operanti nel settore delle scienze mediche. In particolare il Piano riguarda i settori della gestione dei sistemi sanitari, farmaceutico e biomedicale, della sicurezza alimentare e nutrizionale, della ricerca e formazione di manager e medici? cinesi; dei servizi sanitari (telemedicina, sanità elettronica, informatizzazione dei dati), dell'assistenza agli anziani e della salute della donna e del bambino. ?Lo scopo è lavorare insieme per il raggiungimento del fine ultimo al quale si dedica il lavoro dei ministri della Salute, cioè quello di promuovere e tutelare il benessere della popolazione, sviluppare la prevenzione delle malattie e cure sempre più tempestive, efficaci, accessibili, sostenibili, garantite a tutti. I medici cinesi sono stati entusiasti di poter venire a formarsi in Italia perché la nostra formazione è considerata un'eccellenza.

 
Italia e Cina guardano al futuro con lo stesso obiettivo, crescita economica, nuovo piano per la natalità, assistenza qualitativa ?e cure adeguate per tutti. Proprio sul fronte dei farmaci? l'Italia ha portato in Cina la sua grande esperienza, a partire da quella relativa ?al farmaco salvavita per l'Epatite C di cui siamo riusciti a garantire l'accesso a coloro che ne necessitavano. Vogliamo che la possibilità per tutti i cittadini di poter accedere e beneficiare di cure innovative e salvavita divenga un punto comune nelle agende di tutti i governi del mondo. Con il Ministro della Salute Li Bin abbiamo convenuto su questo e sull'importanza del riconoscimento dei temi della salute in seno all'agenda G20 a presidenza cinese.
Questa missione in Cina è stata sicuramente costruttiva perché oltre alla definizione del Piano di azione triennale ci ha portato alla sottoscrizione di altri tre documenti importanti. Ieri ho infatti siglato una Lettera di Intenti con il Presidente della Amministrazione Generale della supervisione e della qualità, l'ispezione e la quarantena (AQSIQ), ministro Zhi Shuping, che sviluppa una collaborazione bilaterale per aumentare le esportazioni italiane in Cina di prodotti agroalimentari, formare gli ispettori cinesi in Italia, intensificare gli scambi di informazioni reciproche sulla sicurezza alimentare.
 
Sempre con il ministro Zhi Shuping abbiamo poi firmato un Protocollo per aprire l'accesso al mercato cinese degli agrumi italiani che dunque da ora in poi potranno essere esportati in Cina e siglato un Memorandum d'Intesa per la tutela della qualità dell'olio d'oliva italiano in Cina. Con questa intesa il Governo italiano organizzerà corsi di formazione per gli ispettori cinesi di AQSIQ per visite a frantoi, istruzione sui controlli di qualità nei territori, attività di lotta alle frodi. Tutte le attività favoriranno una maggiore penetrazione in Cina dei nostri marchi di qualità. Inoltre stamattina con il viceministro dell'Agricoltura YU Kangzhen abbiamo parlato dell'importanza della collaborazione a 360 gradi tra Italia e Cina nell'ambito della sanità animale e della sicurezza degli alimenti convenendo sull'utilità dello scambio di pratiche tra veterinari e verifiche di prodotti.
 
Beatrice Lorenzin
Ministro della Salute

29 gennaio 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Viola Rita (Scienza)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy