Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 02 DICEMBRE 2016
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Spending review. Il Governo risponde alla Corte dei Conti: “Quello che abbiamo fatto non sono semplicemente tagli”

Una nota del Mef riepiloga gli interventi mesi in atto nel biennio di governo Renzi. Per la sanità sottolineata la centralizzazioni degli acquisti, l’adeguamento del fondo, i nuovi Lea e l’introduzione dei piani di rientro per gli ospedali in rosso.

19 FEB - Dopo le critiche di ieri della Corte dei Conti sulla gestione della spending review il Gloverno ribatte precisando cifre e filosofie adottati nel biennio 2014/2015.
 
“Tra 2014 e 2015 il Governo – si legge in una nota del Mef - ha preso iniziative per la revisione della spesa che hanno determinato risparmi per 18 miliardi di euro nel 2015. Queste iniziative, insieme ai provvedimenti presenti nella legge di stabilità per il 2016, realizzano risparmi per 25 miliardi di euro nell'anno in corso”.
 
“Questi risparmi – prosegue il Mef - hanno consentito di finanziare alcune delle misure a sostegno della crescita e dell'occupazione. Lo spirito della "spending review" (letteralmente "revisione della spesa") consiste infatti in interventi di razionalizzazione connessi a cambiamenti dei meccanismi di spesa e degli assetti organizzativi delle amministrazioni, dall'aumento dell'efficienza della fornitura di beni e di servizi da parte della pubblica amministrazione e dall'abbandono di interventi considerati obsoleti”.

 
Questi interventi non sono semplicemente "tagli", dice il Mef che fa l’esempio del  caso della riduzione delle centrali di acquisto da 35.000 a 35 (risultato già conseguito nel campo degli acquisti sanitari) specificando che “ si tratta spesso della revisione di processi complessi e consolidati”.
 
“Il risultato della revisione – conclude il Mef - può essere un risparmio netto o la liberazione di risorse da reimpiegare nella strategia del governo”.
 
Tra gli interventi messi in campo (vedi info grafica qui sotto), il Mef segnala anche l’adeguamento del fabbisogno sanitario standard, specificando che è limitato al 2016, l’adozione dei nuovi Lea e l’introduzione dei piano di rientro per le aziende ospedaliere e universitarie in  deficit.
 


19 febbraio 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy