Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 24 AGOSTO 2016
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Screening neonatali. Taverna (M5s): “Da Lorenzin bullismo istituzionale”

"Con un testo di legge già in esame in Parlamento e ad un passo dal traguardo, e che rende finalmente questi esami obbligatori in tutte le Regioni, la Lorenzin presenta dal nulla un suo decreto che mantiene gli screening sperimentali". Così la senatrice del M5s, prima firmataria del ddl già approvato all'unanimità in Senato e ora all'esame della Camera.

16 MAR - “Quello che la Lorenzin sta facendo sugli screening neonatali è inqualificabile e non è degno di un Ministro della Sanità. Con un testo di legge già in esame in Parlamento e ad un passo dal traguardo, e che rende finalmente questi esami obbligatori in tutte le Regioni, la Lorenzin presenta dal nulla un suo decreto che mantiene gli screening sperimentali, dando così un sonoro ceffone in faccia alle tante famiglie che attendevano e speravano in una legge più giusta”. A dichiararlo è la senatrice M5s Paola Taverna, prima firmataria di un disegno di legge che rende obbligatori gli screening neonatali su tutto il territorio nazionale, già approvato all’unanimità in Senato e ora in esame alla Camera.
 
“Il suo - continua Taverna - è vero e proprio bullismo istituzionale, che ricorda tanto quei piccoli bulli che non potendo vincere la partita, rubano il pallone ai compagni e lo bucano. Al ministro non va giù che a presentare la legge sia stato il Movimento 5 Stelle, per questo manda all’aria il lavoro di due anni e si fa la ‘sua’ legge. Ma il suo decreto, non inserendo gli screening neonatali nei Lea, non va a sanare l’assurdità di un sistema come quello attuale in cui i bambini sono destinati alla malattia oppure alla salute a seconda di dove nascono. Questa non è sanità, questa è roulette russa, con la pistola carica di una potenziale malattia piantata alla testa delle famiglie”.


“Per attuare il suo decreto, la Lorenzin si fa bella prendendosi i 10 milioni di euro stanziati nella Stabilità proprio per gli screening neonatali. Ma lei sa benissimo che se non fosse stato per il M5S, e per i nostri emendamenti, quei fondi non ci sarebbero mai stati, a dimostrazione del fatto che a questo ministro dei bambini e della loro salute non frega un bel niente”, conclude la senatrice M5s. 

16 marzo 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy