Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 24 MAGGIO 2016
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Libera professione. Prosegue la polemica. Lorenzin: “Applichiamo la legge”. E Rossi ribatte: “Pronto al confronto ma va abolita”

Incontro mancato oggi a Roma in sede di Conferenza delle Regioni tra il ministro della Salute e il governatore toscano. Ma il confronto sulla possibile abolizione della libera professione proposta da Rossi continua a tenere banco. Lorenzin: "Abbiamo una disparità di applicazione nelle Regioni ma abbiamo  anche un sistema di informatizzazione che ci permette di controllare chi eroga il servizio e come viene erogato"

24 MAR - La conferenza delle Regioni di oggi era l’occasione giusta per confrontarsi sull’argomento, ma il presidente della Toscana Enrico Rossi non c’era, e quindi spero se ne parlerà la prossima volta, ma in ogni caso sul tema intramoenia, basta attuare la legge eliminando le disparità di applicazione tra le Regioni. Come? Con i sistemi di informatizzazione che oggi consentono di controllare chi eroga il servizio e come.
 
È questo il succo della posizione assunta dal ministro Beatrice Lorenzin, stimolata da Quotidiano Sanità a margine della Conferenza delle Regioni, a dire la sua sull’intenzione del presidente - dichiarata nell’intervista rilasciata ieri a QS - di portare avanti una legge di iniziativa popolare per abolire intra ed extramoenia.
 
“La conferenza di oggi è il luogo giusto per parlarne, cioè in conferenza Stato Regioni, in commissione Salute insieme anche al ministero, oggi presidente non c’era, ne parleremo spero la prossima volta” ha detto il ministro. E interrogata su quale fosse la sua posizione in merito ha risposto: “La legge c’è e va applicata. Abbiamo una disparità di applicazione a macchia di leopardo nelle Regioni e abbiamo oggi anche un sistema di informatizzazione che ci permette di controllare chi eroga il servizio e come viene erogato, l’obiettivo a mio parere è che poi il servizio raggiunga i cittadini e sia monitorato, i mezzi ci sono e vanno solo resi omogenei su tutto il territorio nazionale”.

 
Non ha tardato ad arrivare la replica del presidente Toscano, sempre più deciso a sostenere le sue intenzioni. “Non si dispiaccia il ministro Lorenzin – ha dichiarato in una nota – ma la legge sull’intramoenia va abolita e io mi adopererò in tal senso, disponibile peraltro ad ogni confronto in tutte le sedi opportune”.
 
“Nella mia regione, come del resto in altre, molto è stato fatto – continua – per ridurre i disagi dei cittadini e per garantirne l’uguaglianza nell’accesso alle prestazioni sanitarie. Ora, però, è giunto il momento di intervenire con un nuovo strumento legislativo, che sia in grado di ridurre il lucro e il profitto privato quando si esercita in una struttura pubblica”.
 
Quanto alla sua assenza all’incontro di oggi a Roma, “Lorenzin ne comprenderà le ragioni” ha precisato Rossi. “Stamani – ha detto – un aereo dell’Aeronautica militare ha riportato in Italia, all’aeroporto di Pisa, le quattro salme delle studentesse Erasmus decedute nel tragico incidente in Catalogna. Era mio dovere istituzionale accoglierle, insieme alle altre autorità di governo presenti”.

24 marzo 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Viola Rita (Scienza)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy