Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 18 NOVEMBRE 2019
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Nuovi Lea. Fimeuc: “Si recepiscono innovazioni ma non nell’Emergenza-urgenza”

La Federazione dei medici di Emergenza-Urgenza giudica in chiaro scuro i nuovi Lea: “Per quanto riguarda il Sistema di Emergenza-Urgenza, nel nuovo DPCM non si  è tenuto conto  dell'organizzazione hub e spoke della rete ospedaliera e delle reti per le malattie tempo-dipendenti e della necessità di proporre  un modello  unico e nazionale dell'erogatore dei LEA in emergenza quale il Dipartimento Intergrato d'Emergenza, ovvero il DIE”

11 LUG - La Federazione Italiana di Medicina di Emergenza-Urgenza e delle Catastrofi  nell'apprezzare  il DPCM sui Livelli Essenziali di Assistenza,  non  può tacere che sono passati 8 anni  dal  “DPCM   LEA del 2008", ritirato  per mancanza di copertura finanziaria e  ben 15 anni dal DPCM del 29 novembre  2001, che definiva i LEA  a livello nazionale. Troppi gli anni, se si tratta di prestazioni,  servizi ed attività che il SSN ritiene di dover erogare a tutti i cittadini gratuitamente o con il pagamento di un ticket, indipendentemente dal reddito e dal luogo di residenza.

Per la Federazione, il Dpc, rappresenta un documento fondamentale ed indispensabile,  utile a riportare la programmazione regionale  ad un modello nazionale nell'assistenza di prevenzione e sanità pubblica, distrettuale ed ospedaliera. Fimeuc apprezza lo sforzo del DPCM di recepire  le più importanti innovazioni nel campo delle tecnologie e delle organizzazioni,  quali  i concetti della appropriatezza clinica e prescrittiva e la diversificazione  delle cure per  gradi di complessità e di impegno.


Fimeuc deve però rilevare che questo non è avvenuto per  il sistema di emergenza sanitaria territoriale, per il quale  si fa  semplicemente riferimento  alle attività di stabilizzazione e trasporto, prestazioni  già garantite  dal SSN (vedi articolo 7) e per l' assistenza ospedaliera, per la quale si definiscono  l’attività del Pronto Soccorso in termini di primi trattamenti diagnostici e terapeutici (regolamentata dalla funzione triage) e l' attività dell'OBI in termini di percorsi diagnostici terapeutici più complessi ( vedi articolo 37).

Fimeuc sottolinea che, per quanto riguarda il Sistema di Emergenza-Urgenza,  nel nuovo DPCM non si  è tenuto conto  dell'organizzazione hub e spoke della rete ospedaliera e delle reti per le malattie tempo-dipendenti, fulcro del DM70/2015,   e della necessità di proporre  un modello  unico e nazionale dell'erogatore dei LEA in emergenza quale il Dipartimento Intergrato d'Emergenza, ovvero il DIE.

Quest' ultimo si configura come un dipartimento monospecialistico territorio-ospedale, per bacino di utenza di 600.000-1.200.000 abitanti, anche interaziendale, dove  governare tutte le articolazioni organizzative individuate nell'emergenza preospedaliera (CO118, mezzi di soccorso diversificati per complessità dell'equipaggio) ed ospedaliera (PS,OBI, Medicina d'Emergeza-Urgenza e semintensiva) e dove  integrare le  loro attività e performance.
FIMEUC ha elaborato il 21/04/2015  una proposta   dei LEA in Emergenza-Urgenza pubblicata sul sito www.fimeuc.org e che non è stato possibile presentare ufficialmente agli organi competenti o ai tavoli inter-istituzionali,  perché nella stesura del DPCM è mancato il confronto con le società scientifiche del settore.

FIMEUC rimane a disposizione degli organi competenti per ogni eventuale miglioramento del DPCM.
 
Giovanna Esposito
Presidente Fimeuc

11 luglio 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy