Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 10 AGOSTO 2020
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Le presenze in Aula di onorevoli e senatori della “sanità”. La classifica


Oggi si è avviata alla Camera la discussione sulla proposta del M5S per la riduzione degli stipendi dei parlamentari. E proprio ieri Renzi ha buttato nella mischia una sua "controproposta": e se li pagassimo in base alle loro presenze in Parlamento? Siamo andati a vedere cosa succede nelle due Commissioni Sanità di Camera e Senato.

24 OTT - Ha preso il via oggi in Assemblea alla Camera il dibattito sulla proposta di legge del M5S riguardante il taglio degli stipendi dei parlamentari. Il ddl prevede la riduzione del 50% della parte fissa dello stipendio dei parlamentari, la cosiddetta indennità, che da un lordo di 11 mila euro al mese scenderebbe a circa 5 mila euro (il netto quindi dovrebbe passare da poco più di 5 mila a circa 2.500 euro). La proposta interviene anche sulla diaria di 3.500 euro al mese che i parlamentari ricevono per affrontare le spese di soggiorno a Roma (che verrà assegnata solo ai parlamentari che non risiedono a Roma) e sui rimborsi spese, che, un totale di circa 2.500 euro al mese, che dovranno essere tutti rendicontati e non saranno più pagati automaticamente.
 
Nella giornata di ieri il premier Matteo Renzi, interrogato sulla proposta di legge del M5S, ha però lanciato quella che sembra a tutti gli effetti una controproposta, ossia pagare le indennità ai parlamentari sulla base delle loro presenze in Aula. "Luigi Di Maio – ha spiegato Renzi – ha il 37% delle presenze in aula. Oggi Di Maio e Di Battista, come quelli del Pd, prendono il doppio di quello che prendo io come presidente del Consiglio. Allora perché non diamo a Di Maio il 37% dello stipendio? Loro giocano a fare i più puri degli altri, invece sono, non dico peggio, ma come gli altri”.

 
Va detto però che Renzi, prendendo ad esempio il caso del vicepresidente della Camera del M5S, ha commesso un errore, perché secondo i dati ufficiali, la percentuale di presenze al voto del deputato M5S scende al 31,93% ma il premier non ha però tenuto conto delle missioni che i parlamentari effettuano, previa autorizzazione, fuori dal Parlamento e quindi da considerarsi a tutti gli effetti valide ai fini del calcolo delle presenze. Facendo un conteggio completo, infatti, Di Maio sale all'87,23% delle presenze.
 
Secondo le classifiche generali di Camera e Senato sono comunque diversi quelli che potremo considerare i "presenzialisti" in assoluto con percentuali superiori al 99% e tra questi si segnala anche il presidente della Fofi Andrea Mandelli, vice presidente della Bilancio di Forza Italia, che segna un 99,41% di presenza in Aula.
 
E per chi si occupa nello specifico di sanità? Per questi, deputati e senatori delle Commissioni sanità, ecco la classifica ricavata dai dati ufficiali che realtivi all'intera legislatura in corso avviata a mazro 2013.
 
Questa la 'top ten' della XII commissione della Camera: al primo posto troviamo Salvatore Capone (Pd) con il 96,39% delle presenze, a seguire Delia Murer (Pd) 95,37%Maria Amato (Pd) 94,98%Paolo Beni (Pd) 93,78%Paola Boldrini (Pd) 93,27%Elena Carnevali (Pd) 93,11%Giuditta Pini (Pd) 92,47%Anna Miotto (Pd) 91,84%Maria Tindara Gullo (Fi) 90,14%, e Ileana Piazzoni (Pd) 89%.
 
I "meno" presenti risultano invece: Rocco Crimi (Fi) 11,93%Giulia Di Vita (M5S) 37,92%Mario Borghese (Ala) 48,48%Eugenia Roccella (USEI) 51,67%Raffaele Calabrò (Ap) 54,99%Benedetto Fucci (CoR) 57,19%Silvia Giordano (M5S) 65,25%Matteo Mantero (M5S) 69,24%Giulia Grillo (M5S) 70,14%, e Marisa Nicchi (Si) 74,91%.
 
Passando alla XII commissione del Senato, le prime dieci posizioni sono occupate da: Venera Padua (Pd) 99,44%Giuseppina Maturani (Pd) 99,12%, Manuela Granaiola (Pd) 99,04%, Emilia Grazia De Biasi (Pd) 99,03%Nerina Dirindin (Pd) 98,71%Annalisa Silvestro (Pd) 98,49%Donella Mattesini (Pd) 97,22%Sante Zuffada (Fi) 97,17%, Lucio Romano (Aut-Psi-Maie) 96,65%, e Piero Aiello (Ap) 95,04%.
 
I "meno" presenti risultano invece: Vincenzo D’Anna (Ala) 66,63%Raffaele Volpi (Ln) 70,59%, Paola Taverna (M5S) 72,91%, Ivana Simeoni (Misto) 73,89% e Mario Ferrara (Gal) 76,91%.
 
Vedi classifica completa della Camera e del Senato
 
Giovanni Rodriquez

24 ottobre 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy