Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 19 NOVEMBRE 2019
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Testamento biologico. Menorello (Ci): “Mio emendamento non apre a forme di eutanasia passiva”

"Ho solo proposto di eliminare la necessità di 'accettare' ogni aspetto diagnostico o terapeutico, in modo da evitare l'aberrante, pedante e rischiosa pretesa di richedere il consenso per qualsiasi 'flebo', come se le azioni di cura fossero 'clausole vessatorie' da sottoscrivere separatamente". Così il componente della Commissione Affari sociali spiega a Quotidiano Sanità la logica alla base dell'emendamento a sua prima firma approvato lo scorso giovedì.

04 FEB - "Il mio emendamento citato nel testo sul testamento biologico non deve essere inteso con un senso opposto ai motivi che lo hanno giustificato. Infatti, Il testo base della proposta di legge in esame sul punto, al comma 5 dell'articolo 1, prevedeva la necessità che 'ogni' trattamento diagnostico o terapeutico dovesse essere specificatamente 'accettato' o 'rifiutato' dal destinatario. Io ho proposto di eliminare la necessità di 'accettare' ogni aspetto diagnostico o terapeutico, cosicché al paziente si chiede il consenso rispetto alla cura proposta dal medico nella sua completezza e organicità senza l'aberrante, pedante e rischiosa pretesa di richedere il consenso per qualsiasi 'flebo', come se le azioni di cura fossero 'clausole vessatorie' da sottoscrivere separatamente".
 
Così il componente della Commissione Affari sociali della Camera, Domenico Menorello (Ci), spiega a Quotidiano Sanità il significato dell'emendamento a sua prima firma al ddl sul testamento biologico, approvato lo scorso giovedì dai deputati della XII commissione.

 
"Ovviamente rimane quel che prevedeva il testo nel senso di poter rifiutare, da parte del paziente, un determinato trattamento terapeutico o accertamento diagnostico, come già prevede direttamente lo stesso art. 32, come 2, della Costituzione", conclude Menorello. 

04 febbraio 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy