Quotidiano on line
di informazione sanitaria
21 LUGLIO 2019
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Biotestamento. Caso (M5S): “Italia aspetta legge da troppo tempo”

"Speriamo che non venga fatto ulteriore ostruzionismo e che il testo non venga stravolto da emendamenti volti a svuotarlo di significato o ridurne la portata fino a renderlo inutile”. Così il capogruppo M5s alla Camera in un post pubblicato su Facebook, nel giorno della votazione in Aula degli emendamenti al ddl.

28 MAR - “Sta iniziando in questo momento la discussione in aula a Montecitorio su quella che viene erroneamente chiamata da molti legge sul biotestamento. Speriamo solo che non venga fatto ulteriore ostruzionismo su un provvedimento che questo Paese aspetta da molto, troppo, tempo. E speriamo, inoltre, che il testo non venga stravolto da emendamenti volti a svuotarlo di significato o ridurne la portata fino a renderlo inutile”. Così il capogruppo M5s alla Camera, Vincenzo Caso, in un post pubblicato su Facebook.
 
“Se ve lo state chiedendo, no, questa legge non riguarda la possibilità di praticare eutanasia, ma prevede norme rafforzative in materia di consenso informato e tutela la libertà di accettare o rifiutare i trattamenti sanitari, disciplina, inoltre, le disposizioni anticipate di trattamento (DAT) alle quali il medico è tenuto ad attenersi senza incorrere in responsabilità civili e penali. Ci sembra assolutamente di buon senso consentire al paziente di progettare e condividere il percorso di cura che avrà valore anche quando lo stesso venga a trovarsi nelle condizioni di non poter più esprimere la propria volontà, d'altronde la nostra Costituzione prevede che 'nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge'”, conclude Caso.

28 marzo 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy