Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 20 AGOSTO 2019
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Manovra. I testi, le analisi e i commenti

Aprovata in tempi record il 15 luglio, con voto di fiducia. Per la sanità l’unica novità è l’introduzione immediata del ticket di 10 euro sulla specialistica. Confermate le misure di contenimento per la spesa per il pubblico impiego. Sventata l’ipotesi di emendamento per la liberalizzazione per le professioni sanitarie.

08 AGO - Nuovi ticket già dal 2011. È stata questa la principale novità, contestata duramente dalle Regioni, della manovra finanziaria approvata in tempi record il 15 luglio scorso, con ricorso a voto di fiducia. Il Governo ha infatti deciso di non garantire alle Regioni la copertura, già promessa e sottoscritta nel Patto per la Salute, di 486,5 milioni di euro necessari ad evitare per tutto il 2011 l’introduzione del ticket di 10 euro sulle ricette per le prestazioni di specialistica ambulatoriale inserito con la finanziaria del 2007 ma mai applicato perché, appunto, coperto con risorse dello Stato. Questa volta, però, il Governo ha stanziato con la manovra solo 105 milioni di euro, utili a coprire solo il periodo dal 1° giugno a metà luglio, data di entrata in vigore del provvedimento.
Per il pubblico impiego, proroga  a tutto il 2014 del blocco del turn over (anche se con alcuni dubbi di interpretativi), proroga del blocco dei trattamenti economici anche accessori sempre fino al 2014; fissazione delle modalità di calcolo relative all’erogazione dell’indennità di vacanza contrattuale per gli anni 2015/2017; semplificazione delle procedure di mobilità. Misure che, insieme ai tagli ai finanziamenti del Ssn, hanno fatto scattare la protesta dei medici.

Sventato, invece, il rischio di liberalizzazione di tutte le professioni, previsto da un’ipotesi di emendamento poi ritirato, anche grazie alle forti proteste degli Ordini professionali e di un folto gruppo di senatori e deputati. Il testo definitivo della manovra, infatti, ha previsto che tutte le professioni per il cui accesso è necessario l’esame di Stato (e quindi tutte quelle sanitarie) saranno escluse dai provvedimenti di liberalizzazione dei servizi e delle attività economiche, che invece saranno oggetto di specifiche proposte alle categorie interessate da parte del Governo.
 
La manovra è in Gazzetta Ufficiale. Tutte le novità per la sanità e il pubblico impiego

 
Medici e dirigenti del Ssn in stato d’agitazione

 
Stati generali della Sanità
 
Bocciatura da Farmindustria e Assobiomedica

 
L’analisi di Spandonaro (Ceis-Tor Vergata): “Manovra e federalismo. Due occasioni perdute”

 
L’analisi del Cerm. Salerno: "Finalmente il ticket per l'universalismo selettivo”

 
L’analisi di Grazia Labate: “Modi e strumenti vecchi. Serve un nuovo Patto per la salute”

 
Dopo la manovra e i tagli alla sanità. Ma in Europa come se la cavano?

 
Manovra. Le Regioni: "Il Governo si deve assumere tutta la responsabilità dei tagli"

 
Manovra. Cosentino (Pd): “La sanità nelle mani dei privati”

 
Manovra. Professioni. Una commissione governativa studierà liberalizzazione

 
Manovra. Rispunta l’articolo sulle liberalizzazioni. Via tutte le restrizioni, nessuno escluso

 
Liberalizzazione delle professioni. La rivolta degli Ordini

 
I senatori del Pdl contro la liberalizzazione delle professioni

 
Manovra. Liberalizzazioni: esentate le professioni sanitarie

 
Liberalizzazioni. Parla D’Ambrosio Lettieri, il senatore che ha guidato la rivolta


08 agosto 2011
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy