Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 26 GIUGNO 2017
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Vaccini. Gelli (Pd): “L'Italia sta diventando un punto di riferimento internazionale. Anche la Francia segue il nostro esempio”

"L'intenzione della ministra della Salute, Agnès Buzyn, di portare ad 11 le vaccinazioni obbligatorie in Francia, così come il sostegno da parte del commissario Ue alla Salute, Vytenis Andriukaitis, non fanno che confermare che la strada intrapresa dall'Italia sull'obbligo vaccinale è quella giusta". Questo il commento del componente della Commissione Affari Sociali della Camera.

16 GIU - "Oggi la ministra della Salute, Agnès Buzyn, in un'intervista a Le Parisien nella quale spiegava le sue intenzioni di portare ad 11 le vaccinazioni obbligatorie in Francia, ha confermato che la strada intrapresa dall'Italia è quella giusta. Un importante sostegno è arrivato anche dalle parole del commissario Ue alla Salute, Vytenis Andriukaitis. Il nostro Paese sta diventando un punto di riferimento a livello internazionale su questo tema. La necessità di introdurre 12 vaccinazioni obbligatorie è stata ribadita oggi dallo stesso presidente dell'Istituto superiore di Sanità, Walter Ricciardi, che in un'intervista a Quotidiano Sanità ha spiegato come il mancato raggiungimento della soglia di sicurezza del 95% delle coperture per tutte le vaccinazioni a livello nazionale esponga a gravi rischi la salute di decine di migliaia di bambini e adolescenti". Questo il commento di Federico Gelli (Pd), componente della Commissione Affari Sociali della Camera.

 
"Di fronte a questo rischio, non possiamo esimerci dal mettere in campo tutti gli strumenti più efficaci per raggiungere l'obiettivo di mettere in sicurezza la salute dei più fragili. Il modello da seguire è quello californiano, e non di certo quello veneto. Nella Regione amministrata da Zaia, dove l'obbligo è stato tolto dal 2007, si registrano infatti coperture per i 4 vaccini obbligatori inferiori di oltre un punto rispetto alla media nazionale. Quando c'è di mezzo la salute pubblica, abbiamo il dovere di tirare dritto ignorando sterili polemiche di personaggi in cerca di visibilità", conclude Gelli.

16 giugno 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy