Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 05 DICEMBRE 2022
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Moda. M5S: “Stop a modelle taglia zero. Ecco nostra proposta legge”


In tutto 4 articoli in cui si prevedono alcuni interventi essenziali: divieto di impiegare modelle anoressiche o in stato di malnutrizione, obbligo di un certificato medico che attesti l'assenza di disturbi alimentari, sanzioni per chi non rispetta queste nnorme e campagne informative su una corretta educazione alimentare. "Calendarizzare al più presto la nostra proposta di legge in Commissione Attività Produttive". IL TESTO

29 SET - “Vietare l'impiego di modelle anoressiche o in stato di malnutrizione, cosiddette ‘taglia zero’, per sfilate e campagne pubblicitarie. E' quanto prevede la proposta di legge del MoVimento 5 Stelle, che chiediamo di calendarizzare al più presto in Commissione Attività Produttive alla Camera dei Deputati". Lo dichiara Azzurra Cancelleri, deputata 5stelle in Commissione Attività Produttive e prima firmataria della pdl presentata oggi alla Camera durante il Convegno “Moda e disturbi alimentari” insieme con la top model curvy, Elisa D'Ospina; Tiziana Monreale, Fashion designer; Erika Ionta, dietista e Riccardo Dalle Grave, Responsabile scientifico dell’Associazione Italiana Disturbi dell'Alimentazione e del Peso (AIDAP).
 
“La proposta di legge del MoVimento 5 Stelle è composta da quattro articoli e prevede alcuni interventi essenziali. In particolare – spiega la deputata 5stelle Azzurra Cancelleri - l'articolo 1 stabilisce il divieto di impiegare in sfilate o campagne pubblicitarie modelle con un indice di massa corporea (rapporto tra peso e altezza) pari o inferiore a 18,5, indicato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità come livello al di sotto del quale si può parlare di malnutrizione; l’articolo 2 prevede l'obbligo di un certificato medico e di una valutazione psicologica che attestino l'assenza di disturbi alimentari per poter sfilare; l'articolo 3 stabilisce le sanzioni per chi non rispetta quanto previsto nei primi due articoli (da una multa di 75mila euro alla reclusione fino a sei mesi) e per i mezzi di informazione e tutti quei soggetti che promuovono un'immagine di eccessiva magrezza incoraggiando il ricorso a restrizioni alimentari per un periodo prolungato (da una multa di 100mila euro alla reclusione fino a un anno). Infine, all'articolo 4 si promuovono campagne informative volte a diffondere una corretta educazione alimentare”.
 
“Misure simili sono già state adottate in altri Paesi, come Francia e Israele. Inoltre la nostra proposta di legge non ha oneri aggiuntivi per lo Stato. Per questo - conclude Cancelleri - lanciamo un appello, non solo al presidente della Commissione Attività Produttive, Guglielmo Epifani, ma a tutte le forze politiche affinché questa proposta di legge sia calendarizzata, discussa e approvata al più presto”.

29 settembre 2017
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy