Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 20 FEBBRAIO 2018
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Vaccini. La UE pronta a una raccomandazione per rafforzare la cooperazione sulle vaccinazioni. E per farla lancia un questionario aperto a operatori e cittadini 

L'obiettivo della consultazione pubblica è raccogliere le opinioni e il contributo di cittadini, amministrazioni, associazioni e altre organizzazioni pertinenti per alimentare il processo di elaborazione di una proposta per la raccomandazione del Consiglio. Andriukaitis: "Questo non è un dibattito sui meriti della vaccinazione. I benefici dei vaccini sono un dato di fatto, non una questione di opinione. Il crescente scetticismo nei confronti dei vaccini minaccia di invertire i progressi che abbiamo fatto nella sanità pubblica".

29 DIC - La Commissione europea ha avviato il 21 dicembre una consultazione pubblica sulle possibili attività da includere in una proposta per rafforzare la cooperazione dell'Ue contro le malattie prevenibili dal vaccino, che sarà adottata nel 2018.

Le persone e le organizzazioni interessate possono contribuire a dare forma a questa importante iniziativa completando il questionario strutturato in tre campi: come affrontare le perplessità sui vaccini; quali politiche di vaccinazione sostenibile nell'Ue;  il coordinamento Ue, compresa la promozione del dialogo con le parti interessate e il contributo alla salute globale.

Annunciando l'avvio della consultazione, Vytenis Andriukaitis, commissario per la salute e la sicurezza alimentare, ha sottolineato: "A settembre, il presidente Juncker ha dichiarato che è inaccettabile che nel 2017 ci siano ancora bambini che muoiono per malattie che dovrebbero essere state estirpate da molto tempo in Europa".

"Inutile dire  - prosegue - che non solo appoggiamo la dichiarazione del Presidente, ma siamo anche pienamente impegnati a sostenere gli Stati membri ad aumentare la copertura vaccinale nell'Ue. La consultazione che lanciamo oggi è un'opportunità per cittadini e organizzazioni di dirci quali azioni dell'Unione europea ritengono utili per rafforzare la cooperazione contro le malattie prevenibili dai vaccini, ma vorrei essere chiaro: questo non è un dibattito sui meriti della vaccinazione. I benefici dei vaccini sono un dato di fatto, non una questione di opinione. Il crescente scetticismo nei confronti dei vaccini minaccia di invertire i progressi che abbiamo fatto nella sanità pubblica. Penso che tutti i vostri contributi saranno costruttivi".


La consultazione durerà 12 settimane fino al 15 marzo 2018, dopodiché verrà redatto un rapporto di consultazione.

E’ aperta a tutti i cittadini, le amministrazioni, le associazioni e le altre organizzazioni interessate alla vaccinazione e alla politica sanitaria, sanità pubblica, assistenza sanitaria in Europa e nel mondo.

Le malattie prevenibili del vaccino sono tutti “flagelli” per la salute. Data la loro natura transfrontaliera e le sfide ai programmi nazionali di vaccinazione, è necessaria un'azione comune a livello di Ue e approcci più coordinati per limitare la diffusione di epidemie e malattie transfrontaliere.

C’è un chiaro valore aggiunto nel rafforzare la cooperazione tra tutti gli attori pertinenti a livello dell'Ue, comprese le autorità sanitarie, l'industria produttrice di vaccini, la ricerca e l'innovazione, il settore sanitario e altri.

A metà del 2018, la Commissione europea adotterà una proposta di raccomandazione del Consiglio sulla cooperazione rafforzata contro le malattie prevenibili da vaccino.

L'obiettivo di questa consultazione pubblica è raccogliere le opinioni e il contributo di cittadini, amministrazioni, associazioni e altre organizzazioni pertinenti per alimentare il processo di elaborazione di una proposta per la raccomandazione del Consiglio.

Gli intervistati sono invitati a prendere parte alla consultazione completando il questionario fornito online, disponibile in tutte le lingue dell'Ue a questo link.

I contributi ricevuti, insieme all'identità del contributore, saranno pubblicati su Internet, a meno che il contributore non si opponga alla pubblicazione sulla base del fatto che tale pubblicazione danneggerebbe i suoi legittimi interessi. In questo caso il contributo non sarà pubblicato, ma il suo contenuto sarà comunque considerato al momento dell'analisi dei risultati della consultazione che saranno pubblicati sul sito della Commissione Ue.

Per eventuali contatti: Direzione generale per la salute e la sicurezza alimentare (SANTE) - Consigliere principale per la gestione della salute e della crisi: SANTE-CONSULT-VACCINATION-TASK-FORCE@ec.europa.eu

29 dicembre 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy