Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 23 GIUGNO 2018
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Elezioni. Cinque Stelle sopra il 32%, crollo Pd che si ferma al 19, Lega supera Forza Italia. Inizia rebus per Mattarella. Quale maggioranza?

Quando mancano pochissime sezioni da scrutinare si conferma la netta affermazione dei Cinque Stelle che diventano il primo partito distaccando il PD di oltre 10 punti. Al terzo posto la Lega, l'altra vincitrice della giornata, con il 17% dei consensi che ne fa il primo partito del Centro Destra. Forza Italia si ferma al 14%. Se si coinsiderano le coalizioni è comunque quella di Centro Destra ad affermarsi con il 37% dei voti. In ogni caso nessuno ha la maggiornaza per governare da solo. Ma sia Di Maio che il Centro Destra rivendicano l'incarico per formare il nuovo Governo. Ecco i risultati del Viminale.

05 MAR - Quando mancano pochissime sezioni ancora da scrutinare la vittoria netta dei Cinque Stelle alle elezioni di domenica appare ormai acclarata.: con il 32% sia alla Camera che al Senato, risultano il primo partito con un distacco di oltre 10 punti dal PD che si piazza sì al secondo posto ma non riuscendo a superare il 19% dei voti.
 
L’altro dato netto è che la Lega, con oltre il 17% dei consensi, diventa il terzo partito a un soffio dal PD, superando  Forza Italia che si ferma attorno al 14%.
 
Molto al di sotto delle attese invece il risultato di Liberi e Uguali che supera di poco la soglia di sbarramento del 3%.
 
Se si considerano le coalizioni, la prima è quella di Centro Destra con circa il 37% dei voti, poi (da soli) i Cinque Stelle con oltre il 32% e infine il Centro Sinistra sul filo del 23%.
 
Con questi dati la situazione politica, per quanto netta dal punto di vista di “chi ha vinto e di chi ha perso”, resta molto incerta sul fronte della governabilità.
 
Maggioranze chiare dalle urne non ne sono uscite e quindi tutto si giocherà sulle possibilità o meno di trovare accordi tra partiti diversi, dando vita a quelle alleanze “spurie” che prima delle elezioni in pochi avevano ventilato come soluzione gradita.

 
Oggi, sia Di Maio che il Centro Destra hanno rivendicato il diritto ad avere l'incarico di formare il Governo ma il pallino passa ormai decisamente al presidente della Repubblica. Tuttavia prima di parlare di incarichi bisognerà comunque aspettare il 23 marzo per l’elezione dei presidenti di Camera e Senato, quando i primi giochi di alleanza o veti dovrebbero già manifestarsi.
 
VAI AL SITO DEL MINISTERO DELL'INTERNO PER I RISULTATI DEFINITIVI.

05 marzo 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy