Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 21 OTTOBRE 2019
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Grillo incontra i ministri della Salute dell’Ue. “Saremo attori e non spettatori, anche in ambito sanitario”

“Un’importante occasione di confronto con i miei colleghi sulle future scelte in tema di sanità”. Il ministro commenta così, in un post su Facebook, l’incontro in Lussemburgo con i suoi colleghi della Salute sottolineando che è anche l’occasione per ribadire “il ruolo centrale che il nostro Paese deve avere nei tavoli di confronto europei”

22 GIU - “Sono in #Lussemburgo per il Consiglio dei ministri della Salute dell’Unione Europa. Un’importante occasione di confronto con i miei colleghi sulle future scelte in tema di sanità. Sono convinta che la condivisione e l’implementazione di strategie comuni all’interno dei paesi membri non possa far altro che irrobustire quel diritto alla salute che deve essere universale”.
 
Il ministro della Salute Giulia Grillo, consegna in un post su Facebook, le sue riflessioni sull’incontro con ministri della Salute dell’Unione europea in Lussemburgo: “Ho riscontrato molta curiosità ed entusiasmo nelle presentazioni con i miei colleghi europei. Un indicatore di come gli altri paesi guardino con attenzione l’Italia.
 
Ma ha aggiunti che “l’incontro sarà l’occasione per ribadire il ruolo centrale che il nostro Paese deve avere nei tavoli di confronto europei. Saremo attori e non spettatori, anche in ambito sanitario, delle scelte dell’Unione Europea. L’obiettivo è realizzare politiche integrate di promozione della salute. Promozione della salute che deve essere vista come investimento e non più come un costo. Fra gli altri – ha concluso – ho incontrato il ministro greco della Salute, Andreas Xanthos, e il Commissario europeo per la Salute e la Sicurezza alimentare, Vytenis Andriukaits”.


 
 
L'agenda dell'incontro è stata illustrata in serata da una nota del Ministero che ha sottolineato la posizione italiana sui tre importanti temi all'ordine del giono: la disciplina della valutazione delle tecnologie sanitarie (Hta), il futuro della salute in Europa e la corretta alimentazione dei bambini.
 
Per quanto riguarda l'Hta, il ministro Grillo ha espresso apprezzamento per lo sforzo di giungere ad una cooperazione rafforzata non obbligatoria su temi che hanno un impatto sostanziale sulla sostenibilità dei sistemi sanitari e sulla qualità delle cure, il tutto a beneficio dei cittadini/pazienti.
 
L'Italia è favorevole alla possibilità di trovare forme di continuazione e rafforzamento della cooperazione nel campo dell'Hta, diverse dai progetti pluriennali a partecipazione volontaria; ed è anche favorevole al coordinamento a livello europeo delle attività degli Stati membri creando quindi soluzioni organizzative e procedurali comun, ma solo per quello che è necessario e vantaggioso per le esigenze nazionali.
 
L'Italia non è favorevole a forme di obbligatorietà che non nascano da un'adesione e che non tengano conto della diversità dei contesti locali, ha detto il ministro, aggiungenndo che la proposta della Commissione debba essere oggetto di approfondita valutazione e di miglioramenti in sede di Working Party del Consiglio e nel confronto con il Parlamento Europeo.
 
Intervenendo poi sulle prospettive sulla salute nell'Unione europea, il ministro Grillo ha sostenuto l'esigenza che il tema è prioritario sulle politiche europee e sia sostenuto da fondi adeguati. È del resto, questo, un settore in cui si deve fare di più insieme: perché, ha fatto presente il ministro, oltre a rispondere ai bisogni e aspettative dei cittadini, la salute è basilare per lo sviluppo di una società sana e per un più complessivo benessere comune.
Infine il ministro Grillo è intervenuto a proposito delle “Conclusioni sulla corretta alimentazione dei bambini”.
 
Il testo finale condiviso ha tenuto infatti in conto aspetti che l'Italia ritiene fondamentali. In particolare l'approccio condiviso eintersettoriale tra istituzioni, consumatori e industria che si è concretizzato nella riformulazione di molti cibi e all'approccio olistico che riguarda l'intera dieta piuttosto che i singoli alimenti. Questa visione dell'alimentazione sana e nutriente trova una concreta manifestazione nel modello della dieta mediterranea che rappresenta certamente una best practice e che ha trovato un giusto riconoscimento nelle “Conclusioni” che saranno adottate.
 
A margine del Consiglio il ministro Giulia Grillo ha incontrato il collega greco Andreas Xanthos e quello portoghese Adalberto Fernandes con i quali è stato auspicato un approccio comune alle politiche farmaceutiche e con i quali si è parlato del prossimo incontro del Gruppo La Valletta relativo alla '”Valletta Declaration” previsto ad Atene per il 11 luglio.
 
In particolare il ministro ha colto l'occasione per complimentarsi con il collega Xanthos per il positivo esito del negoziato in sede di Eurogruppo relativo alla recente uscita della Grecia dal programma di aiuti economici e ha ricordato la vicinanza espressa in questi anni dall'Italia al popolo greco. Infine, ha incontrato il Commissario europeo per la salute e la sicurezza alimentare, Vytenis Andriukatis, con il quale ha avuto un confronto più approfondito sui temi trattati in sede di Consiglio e sui quali ha ribadito la posizione dell'Italia.

22 giugno 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy