Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 20 LUGLIO 2019
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Ass. Coscioni a Parlamento e Governo: “Basta scaricare colpe sul passato. Senza soluzioni, da Pma ad aborto fino a cannabis, continueremo a disobbedire”

Dal Congresso ‘Le Libertà in Persona’ l’Associazione lancia alcune richieste a Parlamento e Governo su Ricerca, fecondazione assistita, legge 40, aborto, fine vita, barriere architettoniche, persone con disabilità, cannabis.

07 OTT - “Il tempo per il Parlamento e il Governo di scaricare le colpe sul passato è finito: le proibizioni che non vengono abolite saranno d'ora in poi anche loro responsabilità. Noi non ci limitiamo ad avanzare richieste, perché in ogni caso proseguiremo le nostre azioni di disobbedienza civile”. È questo il monito lanciato da Marco Cappato, tesoriere Associazione Luca Coscioni durante i lavori del Congresso ‘Le Libertà in Persona’ che si è svolto a Milano cui hanno preso parte oltre 500 persone tra studenti, scienziati, medici, politici di diversi schieramenti, intellettuali di spicco dello scenario culturale italiano e internazionale e cittadini sensibili alle tematiche civili.
 
“Ancora una volta – si legge in una nota - , l’obiettivo è promuovere il tema della libertà di ricerca scientifica, un Diritto Umano attualmente fuori dal dibattito politico nonostante l’Italia ricopra solo il 26esimo posto al mondo a causa di un ingiustificato proibizionismo, di finanziamenti alla ricerca inferiori alla media europea e di un numero insufficiente di ricercatori (secondo una speciale classifica basata su dati messi a disposizione dalla Banca Mondiale, Unesco, Ocse e il World Economic Forum e su dati raccolti dall'Associazione stessa)”.

 
Durante il congresso “si è parlato di tutti quei limiti responsabili della scarsa competitività nazionale nello scenario europeo in termini di Scienza e Ricerca Scientifica, fine vita, fecondazione assistita, genoma, droghe, cellule staminali, biotecnologie, aborto, disabilità, intelligenza artificiale, laicità”.
 
“La condivisione del risultato di ricerche, indagini e analisi - afferma Filomena Gallo, segretario dell’Associazione -, delle tecniche impiegate per produrle, delle scoperte, la promozione della conoscenza conseguente e la diffusione e accesso universale dei potenziali benefici degli sviluppi più recenti del progresso scientifico costituiscano un modello per il processo democratico che deve essere conosciuto e conoscibile per esser valutato e sostenuto come metodo di azione per conquiste di riforme di libertà e giustizia”.
 
E in questo contesto l’Associazione ha dettato alcune richieste a Governo e Parlamento per i prossimi 12 mesi:
 
1) rimuovere il divieto di partecipazione per le Università ad alcuni bandi europei sulle MALATTIE RARE, attualmente riservata solo agli Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS) con esclusione immotivata da parte del Ministero per la Ricerca;
 
2) monitorare la corretta applicazione della LEGGE 40 come modificata dalle sentenze della Corte Costituzionale, proseguire la campagna per legalizzare la ricerca sulle Blastocisti - anche alla luce dei primi risultati recentemente ottenuti all’estero sull’uomo rimuovere gli ultimi divieti attivando, tra le altre cose, tutti gli strumenti necessari per una normativa sulla gestazione per altri;
 
3) promuovere la diffusione del metodo farmacologico della INTERRUZIONE VOLONTARIA DI GRAVIDANZA estendendone l’applicazione fino al 63°giorno di amenorrea e in regime di day hospital e ambulatoriale e sostenere la campagna per ottenere la contraccezione gratuita, denunciare come, a 40 anni dall’approvazione della legge sull’aborto in Italia, in molte zone del paese si continui ad ostacolarne la piena applicazione,
 
4) proseguire il sostegno a chi chiede l'eutanasia e all’azione di disobbedienza civile di SOSeutanasia.it; operare per la piena applicazione della legge sulle DISPOSIZIONI ANTICIPATE DI TRATTAMENTO;
 
5) evitare che le tipologie di ausili contenuti nel NOMENCLATORE TARIFFARIO destinate ai bisogni più delicati e complessi siano acquistate e fornite per mezzo di gare d’appalto come previsto dalla nuova normativa.
 
6) Far sì che venga istituito un Comitato “super partes” sui LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA che non sia composto da rappresentanti delle Regioni;
 
7) chiedere la piena attuazione della “CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITÀ DEL 2006”, denunciando per condotta discriminatoria enti pubblici ed esercenti di servizi aperto al pubblico che violino i diritti previsti dalle leggi in vigore, e la mancata predisposizione dei Piani di Eliminazione delle Barriere Architettoniche (PEBA). Attivare gli strumenti previsti dalla Convenzione contro ogni forma di discriminazione nei confronti dei disabili;
 
8) sollecitare provvedimenti per la piena equivalenza in ogni sede della FIRMA DIGITALE alla firma autografa;
 
9) sostenere il corretto recepimento della direttiva Comunitaria 2010/63/UE sulle SPERIMENTAZIONE ANIMALE e le azioni conseguenti alla procedura di infrazione nei confronti dell’Italia affinché vi possa essere l'adeguamento della norma di recepimento della direttiva.
 
10) RICERCA SCIENTIFICA E BIOTECNOLOGIE: anche sulla base della sentenza del 13 settembre 2017 della Corte europea di giustizia, richiedere il superamento delle proibizioni in materia di OGM, rafforzare la ricerca in materia di biotecnologie vegetali anche attraverso sperimentazioni in campo aperto, come già avviene in altri paesi europei, di piante studiate nei laboratori italiani;
 
11) continuare ad agire per rimuovere gli ostacoli alla prescrizione della CANNABIS TERAPEUTICA superare il monopolio pubblico della produzione di infiorescenze; Promuovere studi sulla cannabis, a partire da quella Made in Italy, favorire l’avvio di trial clinici facendo tesoro degli esempi acquisiti negli ultimi mesi anche grazie all’organizzazione di incontri internazionali; promuovere la ricerca scientifica su piante e sostanze oggi proibite per poterle impiegare in contesti terapeutici e rilanciare la necessità della riforma del cosiddetto “controllo internazionale delle droghe”;
 
12) agire, di concerto con le altre associazioni con cui da qualche anno vengono promosse iniziative antiproibizioniste, per ottenere una definizione della RIDUZIONE DEL DANNO a complemento della sua inclusione tra i Livelli Essenziali di Assistenza e operare perché questa venga conosciuta e rispettata pienamente.
 
13) Considerato il rischio che TERAPIE AVANZATE ad alto costo non siano rimborsate dalla Sanità di Stati membri dell'Unione Europea, col risultato che il farmaco viene ritirato a danno delle persone affette da malattie rare, richiedere che una terapia avanzata - quando si dimostri sicura, con prove certe documentabili, inoppugnabili di efficacia e sia approvata dagli enti deputati come l’Agenzia europea per i medicinali EMA - sia obbligatoriamente riconosciuta e rimborsata.
 
14)Relativamente al SISTEMA SANITARIO NAZIONALE: operare per ottenere uno spostamento di risorse dal settore ospedaliero a quello della cronicità; rivolgere particolare attenzione alla salute mentale sostenendo le proposte della Società Italiana di Epidemiologia Psichiatrica; rendere trasparente e senza conflitti di interesse l'attività di verifica dei Livelli Essenziali di Assistenza; dare al cittadino un’effettiva capacità di scelta sottoponendo strutture e servizi sanitari a verifiche di efficienza e efficacia da parte di organismi indipendenti rendendo pubblici e accessibili i risultati; attivare iniziative per contrastare le attuali distorsioni nella formazione delle liste di attesa.

07 ottobre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy