Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 03 GIUGNO 2020
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Manovra. Cimo: “Senza ‘dignità’ emendamento su incarichi a medici con contratti autonomi”


Bocciatura netta del sindacato all’emendamento alla Legge di Bilancio. Quici: “Una tale proposta evidenzia infatti l’assoluta improvvisazione su questioni di natura gestionale i cui risvolti saranno del tutto imprevedibili e a danno dei cittadini”

03 DIC - “Senza dignità”: è questo, secondo il presidente di CIMO medici, Guido Quici, il nome dell’emendamento alla legge di Bilancio che darebbe la possibilità alle aziende sanitarie di conferire incarichi individuali a medici attraverso un contratto di lavoro autonomo, anche per lo svolgimento di funzioni ordinarie.
 
“Una tale proposta - sottolinea - evidenzia infatti l’assoluta improvvisazione su questioni di natura gestionale i cui risvolti saranno del tutto imprevedibili e a danno dei cittadini”.
 
“Innanzitutto - spiega Quici - , un simile provvedimento mette a rischio la continuità delle cure e la costanza della relazione medico-paziente. In secondo luogo, facilita la propensione al clientelismo nell’assegnazione degli incarichi, dando così ai direttori generali il via libera alla stipula di contratti di lavoro autonomo con medici non strutturati. Terzo, porta ad aumentare esponenzialmente la commistione pubblico-privato, dato che i liberi professionisti così coinvolti potrebbero utilizzare le strutture pubbliche per “drenare” pazienti e prestazioni verso il privato. Quarto, certifica l’approccio demagogico sul tema della libera professione dei medici dipendenti: pur di non sfatare la narrazione politica per cui le lunghe liste di attesa sono causate dai medici, si vuole impedire a questi di operare anche nella libera professione fuori orario di servizio”.

 
“Infine – conclude - , fatto più grave, dimostra che manca l’effettiva volontà di investire risorse nell’assunzione di medici stabili nel SSN, essendo più facile autorizzare contratti di lavoro autonomo, senza versare i contributi previdenziali della dipendenza. Se l’obiettivo intendeva essere quello di arginare l’emergenza da carenza di personale nella sanità, esistono già altri strumenti anziché questa fiera della superficialità che non valuta reali controindicazioni ed effetti collaterali. Siamo a questo punto ancora più convinti della necessità di continuare le nostre azioni di protesta e sciopero”..

03 dicembre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy