Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 22 OTTOBRE 2019
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Deroga iscrizione Ordine. Aiop: “Norma tutela migliaia di professionisti a rischio”

"La norma, per altro, crea i presupposti affinché in futuro non si possano creare situazioni analoghe, in quanto i nuovi elenchi speciali saranno “a esaurimento” e non potranno più essere attivati corsi di formazione regionali per il rilascio di titoli ai fini dell’esercizio delle professioni sanitarie", commenta l'Associazione degli ospedali privati.

24 DIC - L'Associazione italiana dell'ospedalità privata (in foto la presidente Barbara Cittadini) difende la deroga per l'iscrizione all'Ordine prevista dal maxiemendamento alla legge di Bilancio approvato dal Senato. "Il provvedimento - si legge in una nota - individua una soluzione che tutela i professionisti, che lavorano nella componente di diritto pubblico e in quella di diritto privato del Servizio Sanitario Nazionale. Senza questo provvedimento, moltissimi lavoratori avrebbero corso il rischio di perdere il proprio posto di lavoro. Rischio che, invece, viene scongiurato e, inoltre, viene messa in sicurezza la continuità dell’erogazione delle prestazioni garantite dal SSN, grazie alla previsione che possono continuare a svolgere la propria attività coloro che, attualmente, esercitano in assenza del requisito specifico, in quanto non obbligatorio prima dell'entrata in vigore della legge Lorenzin, purché abbiano svolto la stessa attività professionale per un periodo minimo di 36 mesi negli ultimi 10 anni".
 
Secondo Aiop la norma "tutela numerosi lavoratori, che hanno esercitato per anni e che, oggi, a causa della sovrapposizione di successive previsioni legislative, avrebbero avuta messa in discussione la possibilità di continuare ad esercitare il loro lavoro, in taluni casi a pochi anni dalla pensione".

 
"Si tratta di professionisti - spiega Aiop - che si sono formati in scuole statali o private equiparate, i quali, semplicemente per il mutare della legislazione vigente, non hanno potuto ottenere il riconoscimento del proprio diploma. La norma, per altro, crea i presupposti affinché in futuro non si possano creare situazioni analoghe, in quanto i nuovi elenchi speciali saranno “a esaurimento” e non potranno più essere attivati corsi di formazione regionali per il rilascio di titoli ai fini dell’esercizio delle professioni sanitarie".
 
"Sarebbe auspicabile che gli ordini professionali sviluppassero, anche con questi nuovi iscritti, adeguate iniziative formative di aggiornamento per promuovere un miglioramento continuo della qualità dell’assistenza", conclude Aiop.

24 dicembre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy