Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 10 AGOSTO 2020
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Droghe. Salvini presenta nuovo ddl: “Pene raddoppiate per spacciatori e stop a modica quantità”


Il vicepremier e Ministro dell’Interno: “I venditori di morte li voglio vedere scomparire dalla faccia della terra. Pene passano da un minimo di 3 ad un massimo di 6 anni, con multe da un minimo di cinquemila a un massimo di trentamila euro”. Ma precisa: “Non mi interessa punire il consumo". E poi boccia ogni ipotesi di legalizzazione delle droghe leggere: “Sono contrario”. 

04 MAR - Raddoppio delle pene per chi spaccia e stop alla ‘modica quantità’. Sono queste le principali misure di un ddl della Lega presentato stamani alla Camera dal vicepremier e Ministro dell’Interno Matteo Salvini.
 
“Siamo qui per presentare un disegno di legge della Lega che la cronaca ci dice essere urgente. Faccio riferimento a quel tossico che guidava ubriaco, senza patente, ha incrociato un papà e una mamma uccidendoli. Era coinvolto nel sequestro di 225 chili di droga ed era a spasso. Cosa ci faceva a spasso? Quale reato bisogna compiere per finire a spasso. A me prudono le mani. Il nostro ddl prevede il raddoppio delle pene per chi spaccia" che passano da un minimo di 3 ad un massimo di 6 anni, con multe da un minimo di cinquemila a un massimo di trentamila euro.
 
Ma il progetto prevede anche lo stop alla modica quantità. "Il disegno di legge - continua Salvini - interviene sulla lieve entità. Non esiste modica quantità. Se ti becco a spacciare, vai in carcere con le misure cautelari. I venditori di morte li voglio vedere scomparire dalla faccia della terra".

 
Salvini ha poi specificato: “A me interessa togliere dalle strade coloro che campano spacciando. Poi quello che fa ciascuno nella sua vita privata non sta a me giudicarlo. Ha la sua coscienza, non mi interessa punire il consumo"
 
Il vicepremier conferma poi il suo no alla legalizzazione delle droghe leggere.

"Qui si tratta di salvare vite - sottolinea - . So che da parte del M5S ci sono proposte sulla legalizzazione di alcune droghe che mi vedono contrario, ma questo è un altro tema. In questo caso si tratta di togliere dalle strade delle bombe umane". "E' ben chiaro chi spaccia e chi consuma, io non entro nel merito delle scelte personali, non sono per uno Stato censore ma è chiaro ed evidente a me, ai poliziotti qual è l'entità che porta da consumo a spaccio", conclude Salvini.
 

 

04 marzo 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy