Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 21 OTTOBRE 2019
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

“Difendere la sanità pubblica e universale, integrare i servizi sanitari e socio-sanitari territoriali ed un piano straordinario di assunzioni per medici e infermieri”. Ecco il programma del nuovo Governo M5S-PD-LeU

Confermati i punti già presenti nella bozza anticipata ieri. Resta l'impegno a completare il processo di autonomia differenziata, ma prevedendo l’istituzione di un fondo di perequazione "volto a garantire a tutti i cittadini la medesima qualità dei servizi". Previste, inoltre, "misure più efficaci" in favore delle famiglie numerose e delle persone con disabilità. E ancora, un piano strategico di prevenzione degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionale. Nel pomeriggio il premier incaricato Conte al Quirinale per sciogliere la riserva. IL PROGRAMMA

04 SET - Dopo la nottata di lavori e gli ultimi nodi sciolti questa mattina, il premier incaricato Giuseppe Conte è salito oggi pomeriggio al Quirinale per sciogliere la riserva. Oltre alla lista dei ministri, è stato definito anche il programma del nuovo governo M5S-PD-LeU. Confermato l'impianto anticipato ieri con la bozza pubblicata sulla piattaforma Rousseau.
 
Nel testo definitivo e maggiormente articolato, diventano 29 i punti programmatici. Per la sanità, al punto 22, il nuovo Governo si impegna a "difendere la sanità pubblica e universale, valorizzando il merito. Occorre inoltre, d’intesa con le Regioni, assicurare un piano di assunzioni straordinarie di medici e infermieri; integrare i servizi sanitari e socio-sanitari territoriali; potenziare i percorsi formativi medici". Previsto, inoltre, un rafforzamento dell’azione di contrasto al gioco d’azzardo patologico.
 
Al punto 20, resta l'impegno a completare il processo di autonomia differenziata "giusta e cooperativa, che salvaguardi il principio di coesione nazionale e di solidarietà, la tutela dell’unità giuridica e economica; definisca i livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali, i fabbisogni standard; attui compiutamente l’articolo 119, quinto comma, della Costituzione, che prevede l’istituzione di un fondo di perequazione volto a garantire a tutti i cittadini la medesima qualità dei servizi".

 
"Ciò eviterà - si legge nel programma - che questo legittimo processo riformatore possa contribuire ad aggravare il divario tra il Nord e il Sud del Paese. Nella ricognizione ponderata delle materie e delle competenze da trasferire e delle conseguenti ricadute - di natura politica, giuridica, economica e sociale - che questo trasferimento determina, occorre procedere con la massima attenzione. In questa prospettiva, decisivo e centrale sarà il ruolo del Parlamento, che andrà coinvolto anche preventivamente, non solo nella fase legislativa finale di approvazione".
 
Confermate anche le misure a sostegno delle famiglie più numerose e delle persone con disabilità. "Occorre intervenire con più efficaci misure di sostegno in favore delle famiglie (assegno unico), con particolare attenzione alle famiglie numerose e prive di adeguate risorse economiche e a quelle con persone con disabilità - si legge al punto 6 -. Occorre, inoltre, realizzare una razionale riunificazione normativa della disciplina in materia di sostegno alla disabilità. Si rende necessario sviluppare modelli che facilitino la mobilità e l’accessibilità, promuovendo politiche non meramente assistenziali, ma orientate alla inclusione sociale dei cittadini con disabilità e al pieno esercizio di una cittadinanza attiva. Sarà inoltre valorizzato, a livello normativo, la figura del caregiver, attraverso il riconoscimento della sua funzione sociale". 
 
Infine, al punto 4 si richiama la necessità di realizzare un piano strategico di prevenzione degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali, "assicurando livelli elevati di sicurezza e di tutela della salute nei luoghi di lavoro, nonché un sistema di efficiente vigilanza, corredato da un adeguato apparato sanzionatorio".
 
Giovanni Rodriquez

04 settembre 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy