Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 21 OTTOBRE 2019
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Governo. Calenda attacca il neo ministro Speranza: “Non sa assolutamente nulla di sanità”

"Speranza arriva, ma non ha mai gestito niente in assoluto e non sa assolutamente nulla della sanità. E, senza neanche essersi seduto al ministero, dice pure: ‘Farò questo e quest’altro’. Non è serio". Così l’europarlamentare di Siamo Europei, ospite oggi della trasmissione Omnibus su La7.

12 SET - "Questo governo rispetto agli standard degli altri Paesi europei non promette nulla di buono. Ad esempio, Roberto Speranza va alla Sanità. Ricordo che la ristrutturazione della sanità era un obiettivo del Pd e che tutti gli obiettivi del Pd, cioè i ministeri della, Sanità, dell’Istruzione, dello Sviluppo Economico, sono andati al M5s e a LeU. Speranza arriva, ma non ha mai gestito niente in assoluto e non sa assolutamente nulla della sanità. E, senza neanche essersi seduto al ministero, dice pure: ‘Farò questo e quest’altro’. Non è serio".
 
Così oggi l’europarlamentare di Siamo Europei, Carlo Calenda, ospite oggi della trasmissione Omnibus su La7, ha attaccato in diretta, e poi su Twitter, il neo ministro alla Salute, Roberto Speranza
 



12 settembre 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy