Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 04 GIUGNO 2020
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Ddl Antiviolenza. Fvm ai parlamentari: “Così com’è non è efficace, servono correttivi”


Il sindacato chiede che il testo, approvato dal Senato e in discussione alla Camera, venga modificato: “Il testo attualmente in discussione alla Camera non tutela gli operatori sanitari che svolgono le loro funzioni non all’interno di strutture sanitarie e sociosanitarie pubbliche o private, ma presso il domicilio dei cittadini, sulle strade, nei cantieri, nei macelli, nelle aziende zootecniche, ovvero luoghi che non possono in alcun modo essere catalogate come strutture sanitarie”

22 OTT - “Dopo aver scritto al nuovo Ministro Roberto Speranza per chiedere che vengano corretti alcuni articoli del DDL "Disposizioni in materia di sicurezza per gli esercenti le professioni sanitarie e socio-sanitarie nell’esercizio delle loro funzioni" perché inefficaci rispetto alla necessaria tutela di tutti i medici, veterinari e sanitari del SSN nonché e in particolare di tutto il personale dei Dipartimenti di Prevenzione, dei Servizi di 118 e Guardia medica, che operano al di fuori delle strutture sanitarie e socio sanitarie”. È quanto evidenzia la FVM ai Parlamentari presentando analoga richiesta.
 
“Il testo – si legge in una nota - attualmente in discussione alla Camera non tutela gli operatori sanitari che svolgono le loro funzioni non all’interno di strutture sanitarie e sociosanitarie pubbliche o private, ma presso il domicilio dei cittadini, sulle strade, nei cantieri, nei macelli, nelle aziende zootecniche, ovvero luoghi che non possono in alcun modo essere catalogate come strutture sanitarie. Oltre 10 anni fa FVM è stato il primo sindacato a denunciare l’aumento degli atti intimidatori nei confronti degli operatori sanitari”.

 
“Dopo anni di sottovalutazione del problema – prosegue - sembra stia crescendo la consapevolezza della gravità e dell'importante incidenza negativa del fenomeno a danno della sanità tutta. Anche l’Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro ha elaborato approfondimenti inerenti la valutazione e la prevenzione dei rischi derivanti dallo stress di origine lavorativa, evidenziando nella propria “factsheet n. 24” come la violenza, gli insulti, le minacce o le forme di aggressione fisica o psicologica praticate sul lavoro, da soggetti esterni all'organizzazione, siano tali da mettere a repentaglio la salute, la sicurezza e il benessere del lavoratore”.
 
“In primavera – ricorda il sindacato - FVM, con appositi e formali atti di diffida, ha ritenuto urgente sollecitare la massima attenzione presso tutte le aziende sanitarie intimandole di verificare se siano state poste in essere tutte le azioni dovute per legge quale tutela del lavoratore in termini di “sicurezza totale” del lavoro, ai sensi perciò del D.lgs. 81/2008. Un maggiore livello di attenzione, così come sollecitato, costituisce già un valido argine rispetto ai danni diretti o indiretti conseguenti ad aggressioni. Il Ministro Speranza ha già dato dei riscontri positivi alle nostre richieste ora aspettiamo una risposta dal Parlamento”.
 
 

22 ottobre 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy