Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 21 GENNNAIO 2020
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Manovra. Nursind: “Il non aver esteso il congedo di paternità agli statali è occasione persa”

Bottega: “E' inaccettabile che ancora oggi alle famiglie e ai figli di lavoratori pubblici sia riservato un trattamento diverso rispetto alle famiglie e ai figli di lavoratori privati”

12 DIC - "Una grande occasione persa. Il governo aveva la possibilità di colmare una lacuna normativa che i lavoratori statali si trascinano da sei anni, e cioè dall'entrata in vigore nel 2013 della riforma del lavoro, ma si è voltato dall'altra parte". Andrea Bottega, segretario nazionale del Nursind infermieri, non nasconde il suo disappunto per la scomparsa, dal pacchetto di modifiche approvate, dell'emendamento governativo che avrebbe esteso anche agli statali i giorni di congedo di paternità, al momento previsti solo per il settore privato.
 
"E' inaccettabile che ancora oggi alle famiglie e ai figli di lavoratori pubblici sia riservato un trattamento diverso rispetto alle famiglie e ai figli di lavoratori privati. Ma è ancora più grave - incalza il sindacalista - che resti lettera morta la direttiva Ue relativa all'equilibrio tra attività professionale e vita familiare (la numero 1158 del 2019)". Tale direttiva fissa a 10 i giorni per il congedo di paternità e deve essere recepita entro il 2022.
 
"Prendiamo atto che non si è neppure tentato lo sforzo di un graduale avvicinamento, con questa legge di Bilancio, alla soglia fissata dall'Europa", osserva il Nursind che, da anni, porta avanti tale battaglia e sulla quale ha costantemente cercato di sensibilizzare il governo. "In pratica - conclude Bottega - si finisce col rendere ancor più plasticamente evidente la distanza tra l'Italia e gli altri paesi Ue. Rimane infatti agli atti, purtroppo, che neppure di fronte ai paletti dell'Ue il nostro Paese si senta stimolato a intervenire. L'Italia aspetta sempre di essere messa alle corde per correre ai ripari.  A differenza di Stati membri come, per esempio, Svezia o Spagna che già prima della direttiva concedevano, rispettivamente, due e quattro settimane ai neo papà".

12 dicembre 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy