Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 30 SETTEMBRE 2020
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Cancro. Pd propone raddoppio del periodo di assenza giustificata dal lavoro per chi si è ammalato


Lo prevede una proposta di legge presentata oggi da Debora Serracchiani e Luca Rizzo Nervo. Attualmente il lavoratore conserva il proprio posto di lavoro per 3 mesi, nel caso di un'anzianità di servizio non superiore ai 10 anni, e per un periodo di 6 mesi se l’anzianità di servizio supera i 10 anni. Una volta scaduto il periodo, se il lavoratore non rientra al lavoro, il datore ha facoltà di licenziarlo. “Tuteliamo il lavoratore già svantaggiato a causa di gravi patologie”, affermano i due parlamentari Dem. IL TESTO.

21 FEB - Una proposta di legge per raddoppiare il periodo in cui un lavoratore colpito da infortunio o malattia può assentarsi dal lavoro conservando il proprio posto di lavoro. A presentarla, alla Camera, i deputati Pd Debora Serracchiani e Luca Rizzo Nervo. Attualmente, in caso di interruzione di servizio dovuta ad infortunio o malattia, il lavoratore conserva il proprio posto di lavoro per un periodo di 3 mesi, nel caso di un'anzianità di servizio non superiore ai 10 anni, e per un periodo di 6 mesi, se l’anzianità di servizio supera i 10 anni.

“La nostra proposta di legge va a modificare il regio decreto del 1924 in cui si prevede un periodo, cosiddetto ‘di comporto’, in cui viene conservato il posto di lavoro in caso di lavoratori che hanno riscontrato patologie di tipo oncologico o lavoratori che comunque necessitino di prolungate terapie riabilitative a causa di gravi patologie. In particolare prevede che tale suddetto periodo venga raddoppiato. L’individuazione delle patologie che possano prevedere tale prolungamento verrà deciso da un apposito decreto del ministro della Salute e del ministro del Lavoro”, spiegano Serracchiani e Rizzo Nervo.

 
“Con questa pdl - argomentano i deputati - intendiamo tutelare il lavoratore già svantaggiato a causa di gravi patologie e il suo diritto sacrosanto di poter continuare a lavorare mantenendo il suo posto di lavoro, una volta guarito o comunque dopo le terapie che lo hanno riabilitato. Il caso del giovane Steven Babbi di Cesenatico che, a soli 24 anni è deceduto dopo una lunga lotta contro il sarcoma di Ewing, e che per il prolungarsi della malattia si è visto revocare l’indennità di malattia dall’Inps, rappresenta uno dei tanti episodi che non devono più accadere. La nostra pdl va proprio in questa direzione”.

21 febbraio 2020
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer Pdl

Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy