Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 30 SETTEMBRE 2020
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Coronavirus. Arcuri: “Test sierologici, app e tamponi i capisaldi della Fase 2”. E poi precisa: “Senza salute nessuna ripresa economica”


Il commissario per l’emergenza in conferenza stampa ha rilanciato i tre strumento come i “principali” per affrontare la riapertura. “App dovrà essere installata da almeno il 70% dei cittadini per darle un significato importante”. E poi sulle mascherine: “Nell’ultima settimana ne abbiamo consegnate 25,5 mln alle Regioni”.

18 APR - “I test sierologici, il contact tracing e i tamponi sono le tre frecce del nostro arco che dovremmo usare assai massicciamente, tre dei principali strumenti con i quali affronteremo la fase 2”. Con queste parole il Commissario all’emergenza Covid-19 Domenico Arcuri, ha avviato la conferenza stampa del 18 aprile.
 
“Tra l'11 giugno 1940 e il primo maggio 1945 – ha detto - a Milano sono morti sotto i bombardamenti della seconda guerra mondiale 2 mila civili, in 5 anni; in due mesi in Lombardia per il coronavirus sono morte 11.851 civili, 5 volte di più".
 
"Dobbiamo agire con cautela e prudenza come in questi mesi – ha precisato - è clamorosamente sbagliato comunicare un conflitto tra salute e ripresa economica. Senza salute, la ripresa durerebbe un battito di ciglia, bisogna tenere insieme questi due aspetti. Dobbiamo ripartire ma garantendo la salute e la sicurezza del numero massimo di cittadini possibile. Serve esperienza e intelligenza. Non abbiamo tempo per dibattiti". 
 
Sui test ha dichiarato: “Il 15 aprile alle 20 il Ministero della Salute ha mandato ai nostri uffici la richiesta di trovare la modalità più trasparente e veloce di acquisire 150.000 test sierologici per poter fare un importante campionamento della popolazione italiana. Il 17 aprile alle 19 abbiamo pubblicato una procedura di gara e abbiamo fatto due scelte nette, la prima: nessuna trattativa private, ma una gara veloce trasparente per un prodotto competitivo; la seconda: la qualità del test è più importante di ogni altro aspetto anche quello economico, la salute non ha prezzo. Aggiudicheremo la gara entro il 29 aprile per avere presto un unico strumento utile per tutte le regioni italiane”.

 
Sulla App per il contact-tracing invece il Commissario ha voluto sottolineare alcuni aspetti: “Anzitutto il ministro dell'Innovazione Paola Pisano ha insediato una commissione che ha individuato l'applicazione prodotta dalla Bending Spoon, società che ha donato l’app al Governo a titolo interamente gratuito, qui dunque nessuno ci guadagna. Inoltre l'installazione di questa app sarà solo volontaria, anche se ovviamente noi ci aspettiamo che un numero molto alto di cittadini collabori: almeno il 70% della popolazione italiana dovrebbe installarla in modo da darle un significato importante. Infine quando l’app arriverà sui telefoni dei nostri concittadini ne garantirà completamente l'anonimato in ossequio alle normative nazionali e comunitarie sulla privacy: utilizzerà la tecnologia bluetooth e non la geolocalizzazione, come prevedono le norme”.
 
Sui tamponi inoltre: “Abbiamo iniziato anche una massiccia distribuzione di tamponi nell'ultima settimana: ne abbiamo distribuiti 280000, il 23% di quanti ne erano stati distribuiti finora. Anche questo flusso verso le regioni è stato normalizzato”.
 
Infine i dati sugli approvvigionamenti: “Nell'ultima settimana abbiamo consegnato alle regioni 25, 5 milioni di mascherine, una media di 3,6 milioni al giorno; le regioni hanno da ieri sera uno stock di 39,1 milioni di mascherine nei loro magazzini. Abbiamo distribuito e installato negli ospedali italiani 3720 ventilatori: 992 in una sola settimana, il 27% di quanto eravamo riusciti a fare finora”.
 

18 aprile 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy