Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 30 SETTEMBRE 2020
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Covid. Francia, Germania, Spagna, Belgio, Danimarca e Polonia a von der Leyen: “Da Ue una risposta caotica. Lavorare affinché si sia preparati a seconda ondata o nuove epidemie”

di Luciano Fassari

In una lettera alla presidente della Commissione UE i capi di Stato e di Governo dei sei paesi europei evidenziano come “la risposta dell'Unione europea al coronavirus ha sollevato domande sul livello di preparazione e sottolineato la necessità di un approccio europeo”. Presentate una serie di proposte per garantire la disponibilità di medicinali, dispositivi medici, dispositivi di protezione e vaccini. IL DOCUMENTO

10 GIU - Diversi leader europei tra cui il presidente francese Emmanuel Macron e la cancelliera tedesca Angela Merkel, ritenendo che l'Unione europea non fosse stata all'altezza della sfida di Covid-19, martedì hanno chiesto in una lettera al presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, di “studiare modi per migliorare prepararsi per la prossima pandemia”.
 
“La risposta caotica al nuovo coronavirus – si legge -, che ha ufficialmente prodotto 184.256 decessi nell'UE, ha "sollevato domande" sul livello di preparazione e ha sottolineato la necessità di un approccio a livello europeo, in particolare quando 'Si parla di una seconda ondata di pandemia’”.
 
"Speriamo che il documento possa essere d'ispirazione per future fruttuose discussioni a livello europeo per garantire che l'UE sia preparata per future pandemie", scrivono i leader.
Con Emmanuel Macron e Angela Merkel, il polacco Mateusz Morawiecki, lo spagnolo Pedro Sanchez, la belga Sophie Wilmes e la danese Mette Frederiksen.

 
Nel testo si evidenzia anche la mancanza di attrezzature mediche che gli europei hanno dovuto affrontare. "Comprendere le carenze è essenziale", insistono i firmatari che chiedono inoltre un “migliore coordinamento della raccolta e del trattamento dei dati, in modo tale che le cifre siano comparabili da uno Stato all'altro”. 
 
E in questo senso i 6 paesi hanno presentato anche una serie di proposte per garantire la disponibilità di medicinali, dispositivi medici, dispositivi di protezione e vaccini.
 
Il documento indica la necessità di un monitoraggio efficiente e la condivisione dei dati come primo punto. "Rispettando la privacy e l'uso dei dati personali, una strategia dell'UE che mira a migliorare la preparazione per future pandemie dovrebbe esaminare come aumentare significativamente la sua capacità di tracciare lo sviluppo della pandemia per aiutare a identificare le emergenze in modo da aumentare la salute e aumentare la consapevolezza della situazione in tutta l'Unione”, spiega il testo.
 
Per fare ciò, dovrebbe essere “stabilito un consenso sui dati da monitorare, dovrebbe essere stabilita una metodologia armonizzata che consentirebbe una comprensione condivisa e aggiornata della situazione e che identifichi le azioni corrette per rispondere con fermezza e rapidità. Oltre a rafforzare il mandato del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie”.
 
D'altra parte, la proposta indica che per garantire una migliore distribuzione e coordinamento delle forniture, si dovrebbe cercare una “efficiente divisione del lavoro all'interno dell'UE per ottimizzare la produzione europea, sfruttando l'esperienza nazionale e regionale nei gruppi di scienze della vita. e impianti di produzione esistenti ". 
 
Inoltre, per i 6 paesi l'Ue dovrebbe “istituire scorte comuni di medicinali strategici e prodotti medici essenziali e, a complemento della gestione nazionale delle crisi, il meccanismo europeo di protezione civile dovrebbe contribuire a coordinarne la distribuzione tra gli Stati membri”.
 
I sei paesi firmatari ritengono poi essenziale effettuare “ingenti investimenti in ricerca” nonché allineare gli sforzi e migliorare "il legame tra questi e la fabbricazione europea di prodotti e medicinali". 
 
C’è poi anche la questione dei vaccini. "Lo sviluppo di un vaccino è un compito enorme e costoso e una strategia unitaria può avere un grande valore aggiunto europeo", sottolineano. In questo senso “lo sviluppo di una rete di laboratori diagnostici da attivare quando necessario dovrebbe far parte della strategia, nonché un aumento dei finanziamenti da Bruxelles per la ricerca medica”.
 
Inoltre, “per sostenere la cooperazione pubblico-privato, sarebbe necessario migliorare il quadro normativo su questioni come le normative antitrust e rafforzare il mercato unico europeo”.
 
Tuttavia, poiché i prodotti dei partner commerciali internazionali sono essenziali, il documento propone di diversificare le linee di approvvigionamento. "Ciò include l'identificazione di nuovi partner commerciali con l'obiettivo di ridurre la dipendenza dei paesi dell'UE dai singoli fornitori". 
 
Tenendo conto delle crescenti tensioni commerciali, il testo ritiene che "esiste un rischio reale che la situazione attuale porti al ritiro dai mercati mondiali" di alcuni medicinali, un aspetto che dovrebbe essere mitigato "concentrandosi su catene di valore flessibili e solide dentro e fuori l'UE”..
 
 
I capi di Stato e di governo dei 27 Stati membri dell'UE dovrebbero tenere una riunione virtuale il 19 giugno per discutere le conseguenze della pandemia.
 
Luciano Fassari

10 giugno 2020
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer Il documento

Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy