Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 30 SETTEMBRE 2020
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Covid. Sileri: “Se tampone è negativo liberare persone dalla quarantena”


Il viceministro della Salute preme per una “quarantena più breve, controllata da tamponi (rapidi) e siamo più liberi”. E poi sulla scuola: “È qui che dobbiamo fare lo sforzo maggiore, dare le risposte in fretta e di vitale importanza sarà il contact tracing. Perché si rischia di mandare in quarantena come medicina difensiva, per paura e maggiore precauzione soggetti che in quarantena non dovrebbero andare”.

09 SET - Dobbiamo “liberare le persone dalla quarantena. Cioè la persona è libera dalla quarantena grazie al tampone. Può essere accorciato il tempo di quarantena? Aspettiamo l’evidenza scientifica maturata in questi mesi. A quel punto potrebbe essere auspicabile fare un tampone a tempo zero, ovvero all’inizio e farne uno dopo 5-6 giorni, essendo il tempo d’incubazione mediana di 5 giorni. Se è negativo la persona è libera: in questo modo lo si è protetto e lo si ha messo in grado di tornare a lavorare. Quindi quarantena più breve, controllata da tamponi (rapidi) e siamo più liberi”. È quanto ha affermato il viceministro alla Salute, Pierpaolo Sileri ieri a La7 su diMartedì.  
 
Sileri ha parlato anche del sistema di sorveglianza: “È attivo e sta migliorando di giorno in giorno, con una quantità di tamponi in costante aumento. La sorveglianza si realizza grazie ad isolamento e tamponi, che devono essere triplicati o quadruplicati. La priorità ora è quella di incalzare le regioni ad accelerare i tempi di risposta sui tamponi. Il senso civico è la cosa più importante. Non bisogna pensare che sono gli altri a trasmetterti il virus ma pensare che tu stesso potresti essere il serbatoio del virus. Nella sorveglianza, se si hanno dei sintomi è importante rivolgersi al medico di famiglia. Sarà lui a dirti che procedura osservare. Rispetta gli altri con questo piccolo gesto”.

 
Rispetto alla scuola per Sileri “un problema importante è quello della coincidenza nel periodo invernale dell’influenza e il passaggio del coronavirus. Quello che succede nella scuola è sovrapponibile ad ogni ufficio, ad ogni ministero. È qui che dobbiamo fare lo sforzo maggiore, dare le risposte in fretta e di vitale importanza sarà il contact tracing. Perché si rischia di mandare in quarantena come medicina difensiva, per paura e maggiore precauzione soggetti che in quarantena non dovrebbero andare”.
 
Un battuta anche sull’app Immuni: “Penso sia stata troppo sottovalutata: è vero che se ti arriva il messaggio qualcuno potrebbe non dire io sono positivo e andare alla Asl. Per il resto, il pregiudizio iniziale come mancanza di libertà è errata. Immuni è la vera libertà. Immaginiamo se tutti avessero scaricato immuni. L’app dice esattamente chi è il vero contatto. La mancata segnalazione da parte di un positivo è un problema culturale.”
 

09 settembre 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy