Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 09 DICEMBRE 2022
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Covid. Su chiusura scuole ‘cortocircuito’ normativo che porta a scontro tra Governo e Regioni

di Giovanni Rodriquez

Con il Decreto di proroga dello stato di emergenza approvato ieri da Senato si è tornati sul Dl 33, confermando la possibilità, da parte delle Regioni, di introdurre, in maniera autonoma, misure derogatorie più restrittive rispetto a quelle disposte dal Governo. Questo lascia aperta quella 'finestra' normativa che, ad oggi, ha permesso ad esempio a diversi territori di chiudere anche le scuole primarie e quelle d'infanzia, nonostante la volontà del Governo di tenerle aperte. L'autonomia operativa riconosciuta da un Decreto legge non può essere compressa da un Dpcm

12 NOV - Le Regioni potranno continuare ad introdurre, in piena autonomia, misure derogatorie più restrittive rispetto a quelle disposte dal Governo per mezzo dei Dpcm. A riconoscere loro questa potesta è il Decreto legge 33 "Ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da Covid-19". Su questo passaggio l'Esecutivo è recentemente tornato con il Decreto che proroga al 31 gennaio 2021 lo stato di emergenza. Provvedimento approvato ieri dal Senato e passato ora all'esame della Camera.
 
Qui, senza intaccare questa facoltà riconosciuta alle Regioni, ci si è limitati ad introdurre anche la possibilità di attivare misure derogatorie "ampliative" d'intesa con il Ministro della Salute.
 

 

Resta dunque aperta quella 'finestra' normativa che ad oggi ha permesso, ad esempio, a diversi territori di chiudere anche le scuole primarie e quelle d'infanzia, nonostante la volontà del Governo di tenerle aperte espressa con il Dpcm dello scorso 3 novembre. È quanto già accaduto in Puglia ed in Campania, con tanto di interventi da parte del Tar.
 
A poco servono in tal senso le proteste da parte del Governo. Perché se da un lato si cerca di far passare la linea della "leale collaborazione" con le Regioni, dall'altra si è deciso di non andare a toccare quel 'cortocircuito' normativo. Insomma, è stato lo stesso Esecutivo che oggi se ne lamenta a riconoscere alle Regioni questa potestà. Potestà legislativa affidata per mezzo di un decreto legge che dunque, in punta di diritto, non si può pensare di limitare con un susseguirsi atti normativi (Dpcm). Il rischio è che il potenziale conflitto tra Stato e Regioni, e tra diritto alla salute e diritto all'istruzione, finisca per proliferare nei Tar di tutto il Paese.
 
Giovanni Rodriquez

12 novembre 2020
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy